Bill Gates: Non Dovremmo Dare il Vaccino al Miglior Offerente

Home / Non Categorizzato / Bill Gates: Non Dovremmo Dare il Vaccino al Miglior Offerente
Bill Gates: Non Dovremmo Dare il Vaccino al Miglior Offerente

Bill Gates, che si è dimesso dal suo incarico presso Microsoft negli ultimi mesi, ha rilasciato oggi una dichiarazione importante sul vaccino contro il coronavirus. Gates ha affermato che il vaccino dovrebbe essere somministrato a chi ne ha più bisogno, non a chi offre più denaro.
I vaccini contro il coronavirus, che sono apparsi per la prima volta in Cina lo scorso dicembre e si sono diffusi in tutto il mondo, continuano a tutta velocità. Secondo l’ultima dichiarazione dell’Organizzazione mondiale della sanità, attualmente circa 140 vaccini vengono condotti in tutto il mondo.

Tuttavia, anche se uno qualsiasi di questi vaccini dà un risultato positivo ed entra in produzione, c’è un grande sospetto. Secondo molte persone, il vaccino non sarà distribuito equamente a tutte le persone nel mondo. Alla fine, un commento è arrivato da Bill Gates, che si è dimesso dalla sua posizione in Microsoft e voleva dedicarsi maggiormente alla salute mondiale.

Il vaccino deve essere somministrato a chi ne ha più bisogno:

Bill Gates, il miliardario fondatore della società tecnologica statunitense Microsoft, ha partecipato alla videoconferenza organizzata dall’International AIDS Association. Bill Gates ha fatto importanti dichiarazioni qui sul vaccino sviluppato contro il coronavirus. La produzione più interessante di Gates è stata la sua opinione su come distribuire il vaccino.

Bill Gates ha dichiarato durante la conferenza che il vaccino contro il coronavirus dovrebbe essere fornito ai paesi che ne hanno più bisogno, non al miglior offerente. “Se diamo il farmaco e il vaccino al miglior offerente anziché al luogo in cui è più necessario”, ci aspetta una pandemia molto più lunga e mortale. I leader devono prendere questa decisione difficile sulla base di un’eguale distribuzione, non solo di fattori di mercato “. disse.

Lascia un commento

Lindirizzo email non verrà pubblicato, i campi obbligatori sono contrassegnati con *