Blend OS v3 “Bhatura”: una distribuzione Linux basata su Arch

Home / Linux / Blend OS v3 “Bhatura”: una distribuzione Linux basata su Arch
Blend OS v3 “Bhatura”: una distribuzione Linux basata su Arch

In uno sviluppo significativo, Rudra Saraswat, il famoso sviluppatore di blendOS e manutentore di Ubuntu Unity, ha fatto un annuncio rivoluzionario. Il 6 luglio, Saraswat ha presentato blendOS v3 “Bhatura”, segnando l’ennesimo importante aggiornamento di questa distribuzione Linux immutabile. Basato su Arch Linux, blendOS vanta una struttura immutabile e offre ai suoi utenti una serie di caratteristiche distintive.

Distribuzioni Linux supportate

BlendOS v3 “Bhatura” introduce il supporto esteso per nove distribuzioni GNU/Linux attraverso la sua innovativa funzione Distrobox/Podman. La nuova versione supporta Arch Linux, Fedora Linux, Crystal Linux, Debian GNU/Linux, Rocky Linux, AlmaLinux OS, Kali Linux, Neurodebian Bookworm e Ubuntu Linux. Questa espansione consolida blendOS come piattaforma versatile per gli utenti che cercano flessibilità e compatibilità. Gli utenti possono eseguire facilmente queste nove distribuzioni all’interno dell’ambiente blendOS, sfruttando Distrobox/Podman per una perfetta integrazione e una gestione efficiente.

blendOS 3 ne supporta sette ambienti desktop, soddisfacendo le diverse preferenze degli utenti. Il suo ambiente senza soluzione di continuità passa attraverso il “Traccia di sistemaLa funzionalità ” garantisce un’esperienza ininterrotta, rivolta agli utenti che cercano personalizzazione e flessibilità nella loro esperienza del sistema operativo.

GNOME, KDE Plasma, Cinnamon, XFCE, Deepin, MATE e LXQt sono gli ambienti desktop attualmente supportati da blendOS. La traccia di sistema rende semplice e veloce il passaggio tra molti ambienti desktop. Dotfile, contenitori e associazioni possono essere replicati con un singolo file di configurazione YAML. Puoi installare un DEB, RPM, pkg.tar.zst o APK in un contenitore facendo doppio clic sul file. (l’avvio del supporto APK può essere eseguito nell’app BlendOS Settings).

Utilità CLI - sistema e utente

Il nuovo “sistema” E “utente gli strumenti a riga di comando in blendOS v3 sono orientati a semplificare il processo di sviluppo. Usando il “sistema“, è possibile installare e disinstallare programmi dal repository Arch Linux, inclusi driver e applicazioni di virtualizzazione, sulla macchina host. A tale scopo, a differenza di molte altre distribuzioni immutabili, blendOS è compatibile con le applicazioni installate dall’host come VirtualBox.

IL “utente” è un’alternativa al fuori produzione “miscela” CLI (versione 2). Come accennato, puoi usarlo per creare e gestire contenitori e associazioni e produrre e trasferire dotfile e contenitori su varie workstation blendOS. BlendOS 3 è un sistema operativo versatile e incentrato sull’utente che si concentra su stabilità e riproducibilità. Offre sistemi riproducibili, consentendo agli utenti di mantenere ambienti coerenti su macchine diverse. L’approccio innovativo di BlendOS 3 agli aggiornamenti di sistema, utilizzando gli ISO per gli aggiornamenti, garantisce una transizione senza problemi all’ultima versione. Rudra Saraswat ha rivelato che zsync ha ridotto significativamente le dimensioni del download degli aggiornamenti, che vanno da 10 a 100 MiB.

Aggiornamenti di sistema

blendOS 3 (nome in codice Bhatura) è ora accessibile per scaricare dal sito ufficiale, consentendo agli utenti di esplorare le sue ultime funzionalità. Questa versione presenta una gamma di ambienti desktop, tra cui GNOME 44.2, Xfce 4.18, LXQt 1.3.0, Cinnamon 5.8, KDE Plasma 5.27.6 LTS, MATE 1.26 e le edizioni Deepin. Le persone interessate possono visitare il sito Web ufficiale per ottenere blendOS 3 e sperimentare in prima persona questi ambienti desktop all’avanguardia.

Lascia un commento

Lindirizzo email non verrà pubblicato, i campi obbligatori sono contrassegnati con *