Canali Wifi, Che cos’è RSSI e dBm

Se la tua connessione Internet sembra lenta o le pagine web non si caricano, il problema potrebbe essere la tua connessione WiFi. Forse sei troppo lontano dal modem o le pareti spesse bloccano il segnale. Ecco i modi per controllare la potenza del segnale WiFi!

Sappiamo tutti che dispositivi come i modem wireless emettono segnali. Questi segnali, ovviamente, non hanno una distanza illimitata e dopo un po’ il segnale diminuisce o scompare del tutto. A questo punto, se c’è una stanza della tua casa dove il Wi-Fi non funziona o funziona molto lentamente, ci hai pensato il perche?

Di fronte a una situazione del genere, molte persone si rivolgono spesso a ripetitori di segnale, adattatori powerline, router aggiuntivi o altre soluzioni. Naturalmente, ognuna di queste soluzioni può risolvere il problema del “no pull“, ma il più delle volte un nuovo hardware potrebbe non essere sufficiente. Anche se viene acquistato un nuovo router in casa, il segnale Wi-Fi è sarà ancora molto scarso. Ok ma perché?

Se non si perde la connessione nelle operazioni con doppio router o ripetitore, i dispositivi tendono a rimanere sul trasmettitore a cui si sono prima collegati. Molti router più recenti hanno un’impostazione speciale chiamata Roaming Assistant. Poiché questa impostazione è generalmente considerata un’impostazione professionale, si trova altrove al di fuori della scheda delle impostazioni Wi-Fi. 

Quando si attiva questa impostazione, è anche possibile specificare sotto quale valore RSSI o dBm il segnale Wi-Fi del dispositivo viene eliminato dalla rete. Naturalmente, anche il dispositivo che viene espulso dalla rete Wi-Fi vorrà riconnettersi al segnale più forte, quindi si collegherà al secondo router o ripetitore nella “stanza senza ricezione”.

blank

Giorni di oggi vengono utilizzati due diversi metodi di misurazione, ovvero RSSI (Received Signal Strength Indication) e dBm, che specificano completamente la potenza del segnale. L’RSSI può assumere un valore nell’intervallo 0-255 e maggiore è questo valore, più forte è il segnale. Naturalmente, non esiste una regola secondo cui il valore RSSI sarà necessariamente nell’intervallo 0-255. Diversi produttori possono specificare diversi valori RSSI-Max. dBm, d’altra parte, è costituito da numeri negativi e più la potenza del segnale misurata è vicina a zero, più forte è considerato il segnale.

Ci sono molte app negli app store per dispositivi mobili che mostrano la potenza del segnale Wi-Fi. Applicazioni simili sono ovviamente disponibili anche sul lato Windows e macOS. Puoi trovare l’applicazione che fa per te, testare la potenza del segnale e determinare i valori RSSI o dBm adatti alle tue esigenze.

Di seguito per chiarezza;

Potenza del segnaleValorespiegazione
-30 dBmOttimoIl valore più alto che può essere raggiunto. Dovresti essere vicino alla sorgente del segnale.
-67 dBmMolto beneIl livello di segnale minimo richiesto per il funzionamento affidabile delle applicazioni.
-70 dBmBeneIl livello di segnale minimo richiesto per una trasmissione affidabile dei pacchetti.
-80 dBmNon beneIl livello di segnale minimo richiesto per la trasmissione dei pacchetti.
-90Non disponibileNon sarà possibile utilizzare il Wi-Fi a questo livello.

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. • Metà Free e Metà Freelancer • mail@trgtkls.org

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No More Posts