Che cos’è DNF in Linux?

DNF sostituirà l’utilità di gestione dei pacchetti YUM nelle prossime distribuzioni ad esempio Fedora 20, CentOS 8, RedHat 8, ecc. che utilizza Gestione pacchetti RPM. DNF ha mostrato per la prima volta la sua presenza in Fedora 18. Fedora 20 è stata la prima distribuzione Linux che accoglie gli utenti a utilizzare la funzionalità di DNF al posto di YUM.

Per un utente normale, DNF fornisce il download, l’installazione, l’aggiornamento, il downgrade e l’eliminazione dei pacchetti. DNF (Dandified Yum) è il nuovo gestore di pacchetti utilizzato nei sistemi Linux basati su RPM. È un successore di Yum Package Manager (Yellowdog Update Modified). Il gestore di pacchetti DNF è efficiente in termini di prestazioni, consumo di memoria e problemi di risoluzione delle dipendenze.

Alcune caratteristiche che suddividono i due gestori;

  • DNF supporta più estensioni, mentre Yum supporta solo estensioni basate su Python.
  • DNF consuma meno risorse durante il recupero dei metadati dai repository, mentre consumiamo più risorse durante l’utilizzo Yum.
  • DNF è composto da 29mila codici, mentre Yum è composto da 56mila codici.
  • Mentre -DNF ti consente di gestire i pacchetti del kernel, Yum non ti consente di toccare i pacchetti.
  • Update e Upgrade DNF sono gli stessi, mentre Yum è diverso.
  • Mentre DNF aggiorna i pacchetti, se un pacchetto ha una dipendenza irrilevante, non aggiornerà quel pacchetto, ma Yum continuerà ad aggiornare quel pacchetto.
  • DNF è scritto in C, C++ e Python mentre Yum è scritto solo in Python.
  • DNF usa libsolv per la risoluzione delle dipendenze sviluppato e mantenuto da SUSE, ma Yum li usa con la sua API pubblica.
  • Mentre DNF disinstalla un pacchetto e rimuove anche le dipendenze non installate dall’utente, Yum no.
  • Se DNF vede un repository che non risponde, salta quel repository e continua a ricevere pacchetti da altri repository, mentre Yum interrompe direttamente il processo.

Utilizzo di DNF

La maggior parte dei comandi sembra avere la stessa sintassi, il che rende le cose molto più semplici, ad esempio:

Per visualizzare i pacchetti da aggiornare; (potrebbe essere richiesto previlegi sudo)

sudo dnf check-update

Aggiorna tutti i pacchetti installati;

sudo dnf update/upgrade

Per aggiornare un pacchetto specifico;

sudo dnf update nano

Pulizia del sistema

Nel tempo, un sistema consuma molte applicazioni e pacchetti installati dall’utente. La seguente opzione di rimozione automatica rimuove tutti i pacchetti foglia installati come dipendenze per qualsiasi applicazione installata dall’utente ma non più necessari. Quindi, possono essere rimossi in modo sicuro per recuperare spazio su disco.

Clean pulisce tutti i file temporanei dei repository attualmente abilitati. Il comando Clean richiede un’opzione come pacchetti, metadati, dbcache, plugin, require-cache, rpmdb, tutto.

Per rimuovere tutti i file temporanei per i repository abilitati nel tuo sistema, usa l’opzione clean con tutte le opzioni.

dnf clean all

Se desideri rimuovere un file temporaneo specifico, utilizza le varie opzioni come indicato di seguito.

Rimuove i file di cache per i metadati del repository.

dnf clean dbcache

Rimuovere i file cookie locali che contengono l’indicazione del tempo di download dei pacchetti per ogni repository.

dnf clean expire-cache

Rimuove tutti i metadati del repository.

dnf clean metadata

Rimuove tutti i pacchetti memorizzati nella cache.

dnf clean packages

Il comando Autoremove rimuove tutti i pacchetti che non sono necessari al sistema che sono stati installati come dipendenze durante l’installazione dei pacchetti precedenti.

dnf autoremove

Come disinstallare un pacchetto

Il comando Remove disinstalla il pacchetto specificato che è installato nel sistema insieme ai pacchetti che dipendono da esso. Qui, <package-specs> può essere il nome del pacchetto specificato o il nome del gruppo.

sudo dnf remove package-specs

Abilitare gli aggiornamenti automatici

DNF ha la possibilità di aggiornare automaticamente il pacchetto come c’era in YUM chiamato yum-updatesd. Gli aggiornamenti automatici dei pacchetti sono gestiti da dnf-automatic. Prima di utilizzare il comando dobbiamo installare dnf-automatic nel nostro sistema Linux.

sudo dnf -y install dnf-automatic

La configurazione si trova in /etc/dnf/automatic.conf ottiene impostazioni predefinite piuttosto sensate. Possiamo configurarlo in base alle nostre esigenze. Puoi abilitare apply_updates = yes in modo che gli aggiornamenti vengano installati quando sono disponibili. Utilizza i comandi per avviare glia aggiornamenti automatici appena sono disponibili;

sudo systemctl enable dnf-automatic.timer
sudo systemctl start dnf-automatic.timer

Abbiamo spiegato il funzionamento del nuovo DNF, con alcuni comandi utili per gli utenti principianti.

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. Metà Free e Metà Freelancer.

Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Consenti gli annunci sul nostro sito

Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ti ricordiamo che finanziamo il nostro sito soltanto con le pubblicità per sostenere ogni giorno migliaia di lettori. Non essere crudele, disattiva il blocco dei annunci.