Che cos’è il DNS, come funziona?

Perfino gli utenti di computer che non conoscono i dettagli tecnici hanno sentito il termine DNS, hanno pensato a cosa significhi DNS o fatto cambiare DNS una volta. Abbiamo risposto alle domande: cos’è il DNS per te, come funziona il DNS e cosa devi sapere sul sistema.
In circostanze normali, un computer standard non deve sapere che cos’è il sistema DNS o come funziona. Ma quando si verifica un problema di connessione a Internet, l’utente potrebbe dover affrontare domande su cos’è il DNS e cosa fa? Conoscere la risposta alla domanda Che cos’è il DNS ti illuminerà e ti aiuterà a risolvere i problemi che incontrerai in futuro.

Spiegazioni semplici possono essere sufficienti come risposta a ciò che è DNS brevemente, ma la risposta a come funziona il DNS è un po ‘più complicata. Poiché i server DNS ci indirizzano rapidamente al sito Web che desideriamo a seguito dei comandi che forniamo e funzionano con molti sub-server e protocolli diversi. Abbiamo risposto a domande come cos’è il DNS per te, come funziona il DNS e abbiamo spiegato i dettagli che devi conoscere.

Che cos’è il DNS?
Domain Name System, o Domain Name System, è il sistema che fornisce la connessione tra DNS, nomi di dominio e indirizzi IP dei siti Web. In breve, DNS traduce i nomi di dominio in indirizzi IP, quindi è possibile accedere al sito Web desiderato senza inserire indirizzi IP complessi nel browser Internet.

Ad esempio, per inserire Google, uno dei siti Web più visitati al mondo, è necessario inserire l’indirizzo IP 74.125.224.83. Ma grazie al sistema DNS, è sufficiente scrivere www.google.com nel browser Internet. I server DNS collegano il nome di dominio e l’indirizzo IP e aprono il sito Web di Google a tua insaputa.

Il sistema DNS opera attraverso server chiamati server DNS situati in molte parti diverse del mondo. Questo sistema stabilisce inconsciamente una connessione tra il nome di dominio e l’indirizzo IP in pochi secondi. Il sistema DNS è sostanzialmente composto da 4 sub server.

Cursore DNS:
Questo sotto-server, chiamato cursore DNS, è il primo server che si incontra nel sistema DNS. Quando si digita un nome di dominio nel browser Internet, il nome di dominio viene coperto dal cursore DNS e sottoposto a una query approfondita. Se la query ha esito positivo, vengono prese altre misure.

Server principale:
Il nome di dominio che passa attraverso il cursore DNS arriva al server principale e inizia a risolversi qui. A questo punto, rivelano i complessi indirizzi IP che portano con semplici nomi di dominio, che possiamo vedere a occhio. Esistono diversi tipi di resolver DNS.

blank

Server TLD:
Il server TLD, come il root server, fa parte del processo di analisi. In questo passaggio di risoluzione finale, il nome di dominio viene convertito nell’indirizzo IP che rappresenta esattamente. Ogni sito Web viene risolto dal server TLD .com alla fine, che è un nome di dominio indispensabile.

Server autorizzato:
Tutto è dove si trova il server autorizzato. Il nome di dominio richiesto nel cursore DNS e risolto sui server root e TLD raggiunge il server autorizzato come indirizzo IP. Se il server autorizzato accede alla registrazione dell’indirizzo IP, si apre il sito Web. Se non vi è accesso, il cursore DNS richiede ulteriori informazioni.

Come descritto nel passaggio del server principale, esistono diversi tipi di resolver DNS. Questi; è un risolutore DNS duplicato e un risolutore DNS autorevole. Questi due analizzatori, che sembrano simili, in realtà hanno ruoli abbastanza diversi nel sistema DNS.

Risolutore DNS duplicato:
Un risolutore DNS duplicato è un risolutore reattivo che può tornare più volte dal client. Ciò che questo server fa è cercare le risposte nella cache dei punti interrogativi nel processo di risoluzione fino a quando il nome di dominio arriva al server autorizzato e rivela i record richiesti.

Risolutore DNS autorizzato:
Il resolver DNS autorizzato funziona con il server autorizzato ed è responsabile della conservazione di tutti i record. È l’ultimo anello della lunga catena di analisi. Il server autorizzato alla fine del processo, che risolve il nome di dominio all’indirizzo IP che rappresenta, apre il sito Web senza la necessità di un’altra query grazie al resolver DNS autorizzato.

I resolver e i server secondari sopra descritti vengono utilizzati per accedere a un sito Web standard. Se sono presenti sottodomini come blog.blogspot.com, un altro server secondario è incluso nel sistema DNS complesso e il sottodominio ha un record CNAME.

blank

Che cos’è la memorizzazione nella cache DNS?

Ti abbiamo detto che gli analisti stanno cercando alcuni record nella cache. Perché molte informazioni sono registrate nella cache. Il motivo di ciò è fornire all’utente un’esperienza Internet più efficiente e sicura. Grazie ai dati memorizzati nella cache, la query DNS è molto più facile da completare, le query aggiuntive vengono impedite, il tempo di caricamento viene ridotto e l’utilizzo della larghezza di banda viene salvato. I record DNS vengono conservati in diverse aree del dispositivo per diversi periodi di tempo.

In precedenza, i dati in questione erano archiviati sul sistema operativo. Sebbene sia positivo per la rete locale, questa situazione, che non ha molti vantaggi nella connessione a Internet, è cambiata con lo sviluppo di browser Internet. I dati DNS sono ora archiviati nella cache dei browser Internet. Questo accelera notevolmente il processo DNS.

Anche la ricerca DNS è coinvolta nel processo di memorizzazione nella cache. Le ricerche DNS sono registrate sulla rete locale o nel browser Internet. Pertanto, la relazione tra nome di dominio e indirizzo IP può essere trovata molto più facilmente guardando indietro durante la query DNS. Le ricerche DNS consistono in 10 passaggi di base.

  • Il nome di dominio viene scritto e questo dominio passa al parser duplicato.
  • Il nome di dominio viene richiesto sul server principale.
  • Il server root trasmette il nome del dominio al server TLD.
  • Il parser richiede il server TLD.
  • Il server TLD risponde in base all’estensione .com.
  • Il parser duplicato invia una richiesta al server proxy.
  • L’indirizzo IP viene inviato al resolver autorizzato.
  • Il parser trasmette l’indirizzo IP al browser Internet.
  • Il browser Internet invia richieste HTTP all’indirizzo IP.
  • Il server dell’indirizzo IP crea la pagina Internet visualizzabile.
  • Quali sono i tipi di query DNS?

La query DNS è parte integrante di una ricerca DNS classica. Esistono tre diversi tipi di query. Il motivo dei tre diversi tipi è che la combinazione dei tre è ordinata correttamente e i record della cache vengono acquisiti, rendendo una connessione molto più veloce.

La query self iterative richiede la registrazione delle risorse o l’inoltro degli errori dal client. La query ripetitiva è il processo di query di base del sistema DNS e richiede la corrispondenza del dominio. La query non ripetuta si verifica quando il record cercato è nella cache ed è la query più comoda perché impedisce il consumo della larghezza di banda.

Abbiamo risposto cos’è il DNS, come funziona e ti diciamo cosa devi sapere sul sistema. La complessa e così finemente calcolata operazione del sistema DNS, che ci consente di accedere al sito Web che desideriamo con un clic, ancora una volta ci mostra che la tecnologia è uno dei nostri principali aiutanti.

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. • Metà Free e Metà Freelancer • mail@trgtkls.org

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No More Posts