Pagina inizialeTecnologiaCome aumentare o diminuire la potenza del processore nei Laptop

Come aumentare o diminuire la potenza del processore nei Laptop

La gestione dell’alimentazione del processore è un fattore chiave per determinare la durata della batteria del laptop o la quantità di energia consumata dal computer. È possibile utilizzare la potenza massima della CPU per aumentare la velocità della CPU. D’altro canto, l’utilizzo non necessario dell’alimentazione del processore ti costerà di più, ridurrà la durata dell’hardware, dissiperà il calore extra e ridurrà la durata della batteria nel caso di un laptop.

In questo articolo, discuteremo di come ottimizzare le prestazioni della CPU impostando il corretto utilizzo minimo e massimo di energia in modo che non rallenti il computer e non lo surriscaldi.

Stati del processore
Lo stato di un processore è definito dalla sua funzionalità corrente. Esistono attualmente 2 stati distinti del processore:

  • P-state
  • C-state

P-state
Il processore è in uno stato P durante la sua normale funzionalità. È un modo per scalare la frequenza di funzionamento di un processore rispetto alla sua tensione alla quale consuma la quantità minima di energia.

Prima di procedere oltre, è importante comprendere i concetti di frequenza e tensione del processore.

Abbiamo sentito parlare della frequenza del processore in passato, come 2.2GHz o 2.4GHz, ecc. Questa è la frequenza di clock alla quale quel particolare processore svolge le sue funzioni. Facciamo un esempio di un processore a 2,4 GHz che esegue una determinata attività in 1 secondo. Per logica, lo stesso processore dovrebbe impiegare 2 secondi se la frequenza dovesse essere ridotta della metà.

Tuttavia, i nuovi processori non seguono questa regola. Piuttosto, regolano la loro tensione di ingresso per eseguire lo stesso compito in modo efficiente. Quindi, ogni processore ha i propri stati P definiti in cui regolano la frequenza e la tensione di ingresso per ottimizzare le proprie prestazioni e completare un’attività il più rapidamente possibile.

C-state

Lo stato C non è complicato come gli stati P. Un processore raggiunge lo stato C quando è inattivo. Tuttavia, esistono numerosi stati C, ciascuno limitato a diversi tipi di processori. Uno stato C dipende dalle funzioni che il processore interrompe per risparmiare energia. Più funzioni e processi vengono interrotti, maggiore è il risparmio di energia e maggiore è lo stato C.

Gestione energetica del processore
Indipendentemente dallo stato, Windows consente ai suoi utenti di gestire la potenza del processore minima e massima in percentuale e non negli stati. Ciò rende più facile per gli utenti comprendere la velocità di clock del proprio processore. La tensione verrà quindi regolata automaticamente per un consumo energetico ideale.

Quale dovrebbe essere lo stato minimo e massimo del processore
Lo stato minimo del processore definisce la frequenza minima alla quale un processore potrà funzionare quando è inattivo. Per impostazione predefinita, Windows 10 imposta lo stato minimo del processore al 5 percento. Questo può essere regolato fino allo 0 percento. Tuttavia, non significa necessariamente che il computer raggiunga la percentuale impostata se lasciato assolutamente inattivo.

Lo stato massimo del processore è la percentuale che un processore può raggiungere quando è più occupato. Il processore metterà in coda le sue operazioni se raggiunge la soglia massima definita e le esegue senza superare tale limite. Per impostazione predefinita, lo stato massimo del processore è impostato al 100 percento. Questo valore può essere ridotto per mantenere la temperatura della CPU o, successivamente, aumentato per ottimizzarne le prestazioni.

È possibile regolare gli stati del processore ovunque tra 0 e 100. L’opzione spetta agli utenti stessi. Se un processore è valutato a 2,4 GHz, il 25% a 600 MHz e il 75% a 1,8 GHz.

In conclusione, non esiste una risposta corretta a quelli che dovrebbero essere gli stati minimo e massimo del processore, in quanto dipende interamente dall’utente. Ad esempio, se stanno eseguendo attività pesanti che richiedono circa il 90% di utilizzo della CPU (può essere visto in Task Manager), surriscalda il computer e fa girare la ventola di raffreddamento come un matto, puoi impostare lo stato massimo del processore al 70% in modo che non si surriscaldi. È vero che lo stesso compito ora richiederebbe più tempo, ma in modo molto insignificante.

Allo stesso modo, lo stato minimo del processore può essere impostato al 10 o al 20 percento se un utente ritiene che il proprio computer impieghi troppo tempo per svegliarsi dalla sospensione o dall’ibernazione.

Come diminuire o aumentare la velocità del processore in Windows 10

Puoi regolare il consumo energetico del processore del computer utilizzando la guida di seguito. È completamente sicuro immischiarsi in queste impostazioni per trovare un’impostazione ottimizzata in quanto può sempre essere modificata.

quanto segue:
Pannello di controllo -> Sistema e sicurezza -> Opzioni risparmio energia
Fare clic su Modifica impostazioni piano accanto al piano di alimentazione attivo.

Le nuove impostazioni di gestione dell’alimentazione verranno implementate istantaneamente. Se, tuttavia, hai voglia di ripristinare le vecchie impostazioni o configurarne di nuove, torna semplicemente nella stessa posizione e inserisci nuovi valori percentuali per lo stato minimo e massimo del processore.

Parole di chiusura
Come accennato in precedenza, non esiste una risposta corretta per i valori di stato del processore minimo e massimo. Potrebbe essere necessario adattare il metodo hit-and-trial prima di ottenere le impostazioni ottimizzate per il proprio processore e per il computer.

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. • Metà Free e Metà Freelancer • mail@trgtkls.org

Articoli correlati