Come la vita è tornata alla normalità dopo l’influenza spagnola H1N1?

Siamo nel 1918, pandemia influenzale H1N1 comunemente nota anche come: influenza spagnola. Un’epidemia scoppiata subito dopo la prima guerra mondiale e che ha causato la morte di 20 milioni di persone, secondo alcune stime invece parliamo di 100 milioni. È un’epidemia che ha causato record di morti post guerra mondiale, ed è scomparsa perdendo i suoi effetti nel giro di due anni. Ma è davvero scomparso?

blank

L’ influenza spagnola è stata una delle epidemie più mortali della storia, come la Peste causata da un batterio indigeno chiamato Yersinia pestis, noto e chiamato come peste nera, che ha ucciso circa 200 milioni di persone nel XIV secolo ed è iniziata solo 100 anni fa, nella primavera del 1918. Sebbene sia nota come influenza spagnola, non si sa esattamente da dove provenga. Sebbene la Spagna, che all’epoca era relativamente fuori dalla guerra, sia stato il primo paese ad annunciare questa malattia e ad annunciarla al mondo in modo parzialmente trasparente, sebbene sia chiamata Influenza Spagnola nel mondo, potrebbe avere origini dalla Francia, CinaInghilterra o Regno Unito. Si pensa anche che l’origine del virus potrebbe essere anche l’America, per un periodo in Spagna questa epidemia è stata chiamata addirittura influenza francese.

L’influenza, che conosciamo come influenza normale, è un virus che attacca le vie respiratorie e può diffondersi molto facilmente. È diventata una delle realtà della nostra vita sperimentare un periodo noto come influenza stagionale in tutto il mondo dall’autunno alla primavera ogni anno. Influenza spagnola in effetti, nella prima ondata nella primavera del 1918, non si mostrò molto diverso. Le persone che manifestavano sintomi come brividi, febbre e affaticamento di solito si riprendevano spontaneamente entro pochi giorni e il bilancio delle vittime non era molto alto. Ma nell’autunno del 1918, la seconda ondata dell’epidemia sarebbe stata molto diversa, poiché coloro che hanno contratto il virus hanno iniziato a mostrare i sintomi entro pochi giorni o addirittura ore, la loro pelle è diventata livida, i loro polmoni si sono riempiti di liquido che portò alla morte con il soffocamento. Si è diffuso così rapidamente ed è stato così mortale che nel 1918 l’America ha ridotto l’aspettativa di vita media oltre 10 anni. Il problema principale era mentre la normale influenza stagionale di solito colpisce gli anziani, le persone con un sistema immunitario compromesso, quasi la metà di coloro che hanno contratto questo virus erano giovani tra i 20 ei 30 anni, il problema più grande era che si trattava davvero di un virus senza precedenti, così chiamato, quindi non esisteva alcun vaccino o medicina. Inoltre, a un certo punto la situazione era diventata così inestricabile che; non c’erano abbastanza medici, ospedali, medicine e strutture per i malati. I funerali di massa, le fosse comuni scavate erano diventate sempre più comuni da portare questo drammatico situazione in normalità.

blank

Venivano eseguite le precauzioni familiari, chiudendo scuole, teatri e biblioteche. Indossare maschere è stato reso obbligatorio ed è entrato in vigore il divieto di sputare. Perché di nuovo in questo virus; può anche essere trasmesso respirando goccioline da tosse, starnuti e persino parlando, e toccando la bocca o il naso della persona infetta.

L’ influenza spagnola affinché finisca, il numero di persone infettate dalla malattia doveva diminuire. Ciò che intendiamo per persona adatta o guarita. Parlando sia dell’età che del numero di persone con malattie croniche. Secondo gli esperti, questa malattia, che all’epoca infettava quasi un terzo della popolazione mondiale, aveva raggiunto livelli che ha causato il rallentamento dell’epidemia. Secondo alcuni esperti, la mutazione del virus ha avuto un grande effetto su questo. Cosi chè infettando tutti, il virus non sarebbe riuscito a diffondersi.

L’influenza spagnola è ancora con noi. L’ H1N1, che ha colpito il mondo alla fine degli anni ’50, alla fine degli anni ’60 e più recentemente nel 2009 e nel 2010, è l’antenato del virus allora noto come influenza suina, che è anche il virus in essere a causare questa influenza spagnola. Cioè, il virus non è scomparso, ma la sua efficacia e l’immunità della popolazione sono cambiate.

L’umanità sta affrontando un nuovo virus mai visto prima. Ci sono alcune somiglianze; la polmonite è la principale causa di morte sia per Covid-19 che per l’influenza spagnola. Il tasso di mortalità per influenza spagnola era molto più alto, ma quando guardiamo alle regioni che hanno avuto l’influenza spagnola relativamente sotto controllo, possiamo imparare lezioni molto importanti. In queste regioni, con le misure come la mascherina usata oggi, il distanziamento sociale e gli inviti a restare a casa; misure come il divieto di stringere la mano e di assembramento sono state attuate rigorosamente fin dal primo giorno, e quindi la malattia è stata controllata. Oggi, ovviamente, il sistema sanitario mondiale è molto più avanzato rispetto a 100 anni fa, e circa un anno dopo l’epidemia, possiamo parlare di studi sui vaccini con seri successi e, come sapete, è stata avviata un’enorme campagna di vaccinazione lanciato nel primo trimestre del 2021.

Il primo vaccino efficace contro il virus che causa l’influenza spagnola arrivò 20 anni dopo, negli anni ’40. Ma non abbiamo un’idea chiara di che tipo di effetti a lungo termine avrà un nuovo tipo di virus, in particolare il Covid-19. Ci vorranno molte più ricerche per scoprirlo. Pertanto, oggi ci chiediamo, “Quando finirà questo virus?” Non è possibile avere una risposta univoca alle domande. Quando l’influenza spagnola ha ridotto i suoi effetti, nessun paese è uscito e ha detto: Il virus è finito! Puoi andare avanti con la tua vita”. Non ha rilasciato alcun tipo di dichiarazione. Perché questi tipi di virus non scompaiono facilmente. Il miglior scenario che abbiamo per oggi; con la distanza sociale, la mascherina e le misure igieniche che applichiamo, ma sopratutto il vaccino. In altre parole, anche se siamo vaccinati, sembra che le misure dovranno essere applicate per molto tempo. Questa è la più grande arma che abbiamo contro questa epidemia, è il meglio che possiamo fare individualmente. Per rispettare rigorosamente le precauzioni. 

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. • Metà Free e Metà Freelancer • mail@trgtkls.org

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No More Posts