Pagina inizialeLinuxCos'è il repository su Ubuntu? (gestore di pacchetti)

Cos’è il repository su Ubuntu? (gestore di pacchetti)

Pagina inizialeLinuxCos'è il repository su Ubuntu? (gestore di pacchetti)

Ora, ai fini di Linux, un repository è una posizione da cui il sistema Linux recupera e installa aggiornamenti e applicazioni relativi al sistema operativo. In questo articolo parleremo dei repository standard e non standard, ma prima di ciò, diamo prima un’occhiata alla sintassi. Quando inizi ad aggiungere repository esterni casuali, prima o poi riscontrerai errori di aggiornamento. Ora puoi cercare l’errore su Internet e magari risolverlo anche tu. Nella maggior parte dei casi non capirai cosa causa il problema e come è stato risolto. Un repository è un catalogo di programmi software disponibili in un determinato momento. Poiché i pacchetti in questo elenco vengono aggiunti, eliminati e modificati regolarmente, è necessario mantenere aggiornati i repository di sistema. Questo fornisce un elenco aggiornato di tutti i pacchetti software disponibili nel repository.

Ma se comprendi il meccanismo del repository in Ubuntu, capirai la causa principale del problema e aggiustarlo di conseguenza. Questa guida è utile anche agli utenti di Linux Mint, del sistema operativo elementare e di altre distribuzioni basate su Ubuntu (e forse Debian).

Cos’è un gestore di pacchetti?

In parole più semplici, un gestore di pacchetti è uno strumento che consente agli utenti di installare, rimuovere, aggiornare, configurare e gestire pacchetti software su un sistema operativo. Ubuntu fornisce il software tramite repository. I repository contengono pacchetti software di diverso tipo. Hanno anche file di metadati che contengono informazioni sui pacchetti come il nome del pacchetto, il numero di versione, la descrizione del pacchetto e il nome del repository ecc.

Il gestore pacchetti interagisce con i metadati e crea una cache dei metadati locale sul tuo sistema. Quando gli chiedi di installare un software, il gestore pacchetti fa riferimento a questa cache per ottenere le informazioni e quindi utilizza Internet per connettersi al repository appropriato e scarica il pacchetto prima di installarlo sul tuo sistema.

Repository predefiniti di Ubuntu

Potresti aver intuito che non esiste un unico repository che contenga tutti i pacchetti. Perché no? Perché è classificato in modo da avere i pacchetti in repository diversi in modo che possano essere abilitati o disabilitati di conseguenza. Gli aggiornamenti avvengono senza “rottura” del sistema operativo. La chiamiamo distribuzione famosa per la raggiungibilità che ha garantito nel breve tempo di distribuzione. Se riusciamo a comprendere la classificazione, sarà più facile per noi correlarla ed estrapolarla per qualsiasi altra distribuzione o repository. Il software nel repository di Ubuntu è diviso in 4 categorie:

  • Main – Software gratuito e open source supportato da Canonical.
  • Universe – Software gratuito e open source gestito dalla comunità.
  • Restricted – Driver proprietari per dispositivi.
  • Multiverse – Software limitato da copyright o questioni legali.
Repository principale di Ubuntu:

All’interno di questo repository troverai tutto il software di cui il sistema ha bisogno per funzionare e un sacco di applicazioni. Tutto il software in questo repository è FOSS (software open source gratuito).

Hai già abilitato questo repository, ma succedono cose. Se in qualche modo lo hai disabilitato (non farlo) puoi aggiungerlo di nuovo con:

Shell

1sudo add-apt-repository main
Repository universe di Ubuntu:

Questo repository contiene software che è anche FOSS, ma Ubuntu non può garantire lo stato di aggiornamento o il software all’interno del repository Universe. Sono pacchetti gestiti dalla comunità, non da Ubuntu stessa.

È un software che puoi installare e non comporta tutti quei rischi come potrebbe sembrare quanto sopra. Le cose tendono ad essere aggiornate abbastanza bene. Ci sono molte persone diligenti che si occupano di questo genere di cose. Gli aggiornamenti sono generalmente abbastanza rapidi. Per abilitare il repository Universe di Ubuntu, esegui questo comando:

Shell

1sudo add-apt-repository universe
Repository Multiverse di Ubuntu:

 Nel repository Multiverse di Ubuntu troverai software che non è FOSS. Per motivi di licenza, le persone dietro Ubuntu non possono mantenere nessuno di questi software.

Il software viene aggiornato, ma niente in questo archivio consentirà a Ubuntu di farlo. Inoltre, Ubuntu non può fornire questo repository come abilitato per impostazione predefinita. Per abilitare il repository Multiverse, utilizzare questo comando:

Shell

1sudo add-apt-repository multiverse
Repository limitato di Ubuntu:

Nel repository Restricted di Ubuntu avrai anche software che non è FOSS. Il repository Multiverse contiene cose come driver per hardware che non dispone di driver FOSS. Bene, il repository limitato è dove esistono i driver.

Un certo numero di persone sono sostenitori dei sistemi operativi solo FOSS. in più ci sono le licenze di cui preoccuparsi, significa che queste finiscono in un repository tutto lì. Se utilizzi hardware che non dispone di driver FOSS, potresti aver bisogno del repository Multiverse. Per abilitare il repository Multiverse, ti consigliamo di utilizzare questo:

Shell

1sudo add-apt-repository restricted
Repository dei partner di Ubuntu:

Nel repository Partner di Ubuntu, è ancora software che non ha una licenza FOSS. È Ubuntu che aggiunge il software per i partner di Ubuntu. È inutile e prima o poi verrà eliminato. (È stato vuoto nelle recenti iterazioni di Ubuntu.)

Quindi puoi dimenticartene questo. Spiegherò come abilitare il repository Partner, poiché è ovvio e sono abbastanza sicuro che sia ancora presente nelle versioni precedenti di Ubuntu, e le varianti LTS rimarranno in circolazione ancora per un po’. È facile abilitare il repository Partner di Ubuntu, il comando è semplicemente:

Shell

1sudo add-apt-repository restricted

Files.list

Il files.list è parte integrante del meccanismo del repository di Ubuntu. Diversi problemi relativi agli aggiornamenti trovano la loro causa principale nelle voci errate nel file source.list.

Ecco perché è importante capirlo.

Sources.list è fondamentalmente un file di testo che contiene i dettagli del repository. Ogni riga non commentata rappresenta un repository separato.

fonti.list in Ubuntu

Ma queste voci seguono un formato specifico e non dovrebbero avere voci duplicate. Maggiori informazioni su di loro nell’articolo qui sotto.

Approfondimenti con il PPA

I PPA (archivio pacchetti personali) sono un tipo speciale di repository, utilizzando i PPA è possibile installare anche software/strumenti che non sono presenti nel repository ufficiale di Ubuntu. I PPA sono utili quando viene installata una nuova versione di un determinato software/pacchetto e tale versione non è immediatamente disponibile nel repository ufficiale, quindi per installare l’ultimo pacchetto è possibile utilizzare PPA. Sebbene gli Snap siano molto spinti da Ubuntu al giorno d’oggi, i PPA sono ancora un modo affidabile per ottenere software più recente in Ubuntu. Molti utenti Ubuntu eseguono ciecamente tre comandi per utilizzare il PPA e finiscono naturalmente con problemi come “il repository non ha il file di rilascio”.

Questa è una guida approfondita e unica nel suo genere sul PPA. Migliorerà enormemente le tue conoscenze.

Aggiunta di repository esterni

Oltre ai repository e ai PPA predefiniti, aggiungerai anche software dai repository delle loro parti. Software come il browser Brave, Docker e molti altri forniscono repository dedicati per Ubuntu.

Comprendere il meccanismo di utilizzo dei repository esterni.

Risoluzione dei problemi relativi agli errori comuni

Ora che hai familiarità con il meccanismo sottostante, è tempo di familiarizzare con i tipici errori di aggiornamento che potresti riscontrare durante l’utilizzo di Ubuntu. Quando vedi l’errore, potresti iniziare a ricevere il suggerimento sulla causa principale. E quando esaminerai la causa principale, capirai come la soluzione specifica la risolve.

E questo è lo scopo di questa pagina. Per fornirti una conoscenza approfondita del sistema di gestione dei pacchetti in modo da poter evitare errori comuni o risolverli in modo efficace.

Impossibile scaricare le informazioni sul repository

Se riscontri questo errore, è solo l’inizio della tua indagine.

Impossibile scaricare le informazioni sul repository

Anche se in alcuni casi la connessione Internet potrebbe essere il problema, è probabile che tu abbia un problema a causa di alcuni repository che hai aggiunto o di voci errate nel file source.list.

Dovresti saltare nel terminale e (provare ad) aggiornare la cache dei pacchetti.

sudo apt update

Guarda le ultime righe dell’output. Ti darà il messaggio di errore (righe che iniziano con E:). Quando ricevi il messaggio di errore, inizia la risoluzione dei problemi.

Il repository non dispone di un file di rilascio

Un errore comune riscontrato dagli utenti di Ubuntu durante l’aggiunta cieca di PPA al sistema senza verificare se il PPA esiste o meno per la loro versione di Ubuntu.

E: The repository ‘ focal Release’ does not have a Release file.

Lascia che ti dia un suggerimento. Il repository non è configurato per la versione di Ubuntu utilizzata.

Problema con MergeList

Se vedi un errore come questo:

E:Encountered a section with no Package: header,
E:Problem with MergeList /var/lib/apt/lists/archive.ubuntu.com_ubuntu_dists_precise_universe_binary-i386_Packages,
E:The package lists or status file could not be parsed or opened.

Indica che in qualche modo il file memorizzato nella cache menzionato nella seconda riga è stato danneggiato. La soluzione è svuotare la cache e ripopolarla.

I pacchetti di destinazione vengono configurati più volte

Bene! Tecnicamente non è un errore. E’ solo un avvertimento. Ma è ancora abbastanza comune e potrebbe creare problemi a molti nuovi utenti di Ubuntu.

Questo è un buon esempio per mettere qui le tue conoscenze appena acquisite.

Sono presenti voci duplicate nei file source.list e questo causa il problema. La soluzione è eliminare tutte le righe duplicate mantenendone solo una.

Spero che tu abbia una comprensione leggermente migliore del meccanismo del repository in Ubuntu. La prossima volta che riscontri un errore e trovi una soluzione, è più probabile che tu capisca cosa sta succedendo.

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. • Metà Free e Metà Freelancer • mail@trgtkls.org

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *