Pagina inizialeNotizieCuriosity Rover trova prove di inondazioni stagionali su Marte

Curiosity Rover trova prove di inondazioni stagionali su Marte

Il Marte di oggi è un infinito deserto gelido, ma miliardi di anni fa era più caldo e più umido. Le prove di un quadro di missioni robotiche hanno confermato che Marte aveva acqua, ma non sappiamo quanta, dove o per quanto tempo. IL Curiosità rover, che sta ancora girando intorno a Marte dopo più di un decennio, ha trovato prove che l’antico Marte potrebbe aver subito inondazioni stagionali. Se fosse vero, questa sarebbe una buona notizia per lo sviluppo della vita.

Curiosity è arrivato sul pianeta rosso nel 2012 e il suo incredibile successo nell’esplorazione del Gale Crater ha influenzato lo sviluppo di Perseverance: non è un caso che i due rover si assomiglino. Curiosity non ha impiegato molto a trovarlo forte evidenza di acqua correntee, più recentemente, ha individuato il rock formazioni che indicano onde.

Dal 2014, Curiosity ha scalato il Monte Sharp, la vetta centrale del Gale Crater. Un team che ha esaminato i dati di Curiosity dall’inizio del 2021 ha notato qualcosa di interessante in un sito datato a circa 3,6 miliardi di anni fa. Ciò che a prima vista sembra un frammento casuale è in realtà una rete di depressioni esagonali collegate, come la griglia in molti giochi di strategia. Le forme sono state distorte nel tempo, ma la maggior parte presenta intersezioni a tre vie con angoli uguali tra loro. Gli esagoni sono larghi pochi centimetri e, in alcuni punti, profondi fino a 10 centimetri.

Vari processi geologici possono creare modelli esadecimali. Ad esempio, la convezione su Plutone provoca forme esagonali più grandi fatte di ghiaccio di azoto nella regione dello Sputnik Planum. I piccoli esagoni su Marte sono incompatibili con la convezione: possono provenire solo dal suolo che si bagna e poi si crepa mentre si asciuga. E questo non accadrebbe tutto in una volta. L’analisi mostra che ci vorrebbe almeno una dozzina di cicli bagnato-asciutto prima che le linee diventino regolari come sono. “Queste particolari crepe nel fango si formano quando si verificano ripetutamente condizioni di bagnato-asciutto, forse stagionalmente, afferma l’autore principale di lo studio William Rapin dell’Institut de Recherche en Astrophysique et Planétologie francese.

Curiosità su Marte

Curiosity ha avuto un tale successo che la NASA ha basato Perseverance sul suo design.
Credito: NASA / JPL-Caltech

La composizione chimica degli esagoni avvalora l’ipotesi di inondazioni ripetute. Sono per lo più solfati di calcio e magnesio, che precipitano fuori dall’acqua mentre si asciuga. Tuttavia, questo solleva una domanda importante: da dove veniva quell’acqua? Gli schemi suggeriscono che le acque sotterranee sono fuori uso, poiché ciò avrebbe reso più umidi gli strati superiori del suolo. Anche le inondazioni torrenziali causate dall’attività vulcanica, come alcuni hanno immaginato nel passato acquoso di Marte, sono fuori uso. La migliore spiegazione sono le acque stagionali che scorrono in superficie.

L’inumidimento e l’essiccazione ripetuti del suolo promuovono la formazione di molecole più grandi, un processo che può essere essenziale per l’evoluzione chimica prebiotica. Queste molecole complesse possono quindi costituire la base per la vita, ma Curiosity non è attrezzato per eseguire un’analisi approfondita dei biomarcatori. Anche Perseverance è limitato in ciò che può fare su Marte. Le nostre risposte potrebbero richiedere la restituzione di campioni sulla Terra, un progetto per il quale Perseverance sta attualmente gettando le basi.

Autore

In stretto contatto con la tecnologia e gaming fin dall'infanzia, è felice di fare ricerche e condividere le sue esperienze con le persone.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *