Pagina inizialeDal WebFacebook Nei Guai, Multa di 650$ Milioni

Facebook Nei Guai, Multa di 650$ Milioni

Facebook è stato dichiarato colpevole in un caso archiviato in Illinois, USA nel 2015. Facebook è stato costretto a pagare 650 milioni di dollari nel caso in cui l’uso delle tecnologie di riconoscimento facciale non fosse conforme alla legge.

Facebook, che è spesso portato all’ordine del giorno con le cause intentate contro le nuove funzionalità che ha aggiunto alla piattaforma, è anche all’ordine del giorno con una causa e una penalità di risarcimento. Facebook, che ha portato a una causa intentata nel 2015, è stato condannato a risarcire $ 650 milioni.

Secondo il caso, incentrato sulla tecnologia di riconoscimento facciale di Facebook, la società non fornisce alcuna informazione e non richiede il consenso dell’utente prima di raccogliere i dati degli utenti. Questo è stato trovato contro le leggi sulla privacy dello stato americano dell’Illinois e Facebook è stato multato.

Con la funzione denominata “Suggerimento suggerimento”, che è stato deprecato a partire dall’anno scorso, Facebook stava chiedendo se gli utenti vogliono riconoscere i loro amici dal viso quando caricano una foto e vogliono taggare i loro amici. Sebbene la funzione richiedesse agli utenti il ​​tag, non chiedeva l’opinione di nessuno di scansionare i volti nella foto.

Secondo le informazioni, a partire dal 2011, Facebook pagherà fino a $ 400 a tutti gli utenti che hanno caricato foto su Facebook. Sebbene inizialmente la società abbia stipulato un accordo da 550 milioni di dollari con la corte per la punizione, la pena è successivamente aumentata di altri $ 100 milioni ed è diventata ufficiale a $ 650 milioni.

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. • Metà Free e Metà Freelancer • mail@trgtkls.org

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *