La compagnia “Brain Chip” di Elon Musk, Neuralink, accusata di aver torturato le scimmie

Neuralink, il progetto “brain chip” di Elon Musk, che è stato recentemente criticato, è ora diventato il bersaglio dei difensori dei diritti degli animali. Un’organizzazione no profit ha accusato Neuralink e l’Università della California di torturare le scimmie.

La persona più ricca del mondo, Elon Musk , ha fatto la prima promozione del progetto “Chip cerebrale” Neuralink nel 2020 . L’azienda, che sviluppa interfacce cervello-computer che possono essere impiantate nel cervello, ha condiviso un video all’inizio del 2021 che mostrava che questo dispositivo ha avuto successo negli esperimenti sulle scimmie.

Tuttavia, molti scienziati hanno espresso la loro preoccupazione per questo progetto e hanno affermato che l’impianto di un chip nel cervello delle persone potrebbe avere conseguenze negative e che il progetto potrebbe essere sfruttato per guadagni commerciali. Ora un’organizzazione per i diritti degli animali ha accusato il progetto testato dalle scimmie di Musk di danneggiare gli animali.

Il Committee of Centers for Responsible Medicine (PCRM), un gruppo di difesa dei diritti degli animali senza scopo di lucro, ha presentato una denuncia contro la società Neuralink di Elon Musk e l’Università della California presso il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti per aver violato l’Animal Welfare Act. L’organizzazione ha accusato Neuralink di finanziare la tortura delle scimmie.

Secondo Futurism, PCRM ha accusato l’Università della California di aver eseguito “esperimenti fatali” su 23 scimmie e di aver ricevuto 1,4 milioni di dollari da Neuralink per questi esperimenti. Inoltre, la denuncia affermava che le viti erano state tentate di essere inserite nei crani delle scimmie, che negli esperimenti erano stati utilizzati materiali non approvati e che i servizi veterinari non erano stati forniti agli animali.

Jeremy Beckham del PCRM ha anche espresso le sue reazioni agli esperimenti, usando le affermazioni che “Solo perché l’Università della California ha consegnato le sue strutture finanziate con fondi pubblici a un miliardario non significa che gli esperimenti possano sfuggire ai principi di trasparenza e violare le leggi federali sugli animali”.

Nelle dichiarazioni dell’ateneo si afferma che gli animali sono stati curati nel migliore dei modi e che i protocolli di ricerca sono stati completamente rivisti e approvati. Non c’è stata risposta dalla società di Musk con sede a San Francisco in merito alle accuse.

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. Metà Free e Metà Freelancer.

Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Consenti gli annunci sul nostro sito

Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ti ricordiamo che finanziamo il nostro sito soltanto con le pubblicità per sostenere ogni giorno migliaia di lettori. Non essere crudele, disattiva il blocco dei annunci.