La più grande cometa mai scoperta: annunciata la data più vicina alla Terra

La più grande cometa mai scoperta. La cometa è risultata essere quasi 2 volte più grande della cometa Hale-Bopp, che in precedenza era considerata la cometa più grande.

La più grande cometa mai conosciuta è stata la cometa Hale-Bopp, larga 46 miglia (74 chilometri), scoperta nel 1995 e resa visibile ad occhio nudo nel 1996. Tuttavia, dopo un nuovo studio, una cometa identificata nel 2021 ha portato via il titolo di Hale-Bopp. 

Conosciuta anche come la cometa UN271 del 2014, la cometa Berdandinelli-Bernstein è stata la più grande cometa mai scoperta. I calcoli hanno rivelato che la cometa era quasi 2 volte più grande di Hale-Bopp. 

Prende il nome da Gary Bernstein, un cosmologo dell’Università della Pennsylvania che per primo ha scoperto la sua presenza in un set di dati di ricerca sull’energia oscura, e Pedro Bernardinelli, un borsista post-dottorato presso l’Università di Washington, le prime immagini della cometa risalgono effettivamente al 2014. A quel tempo, la stella, la cui dimensione non poteva essere calcolata proprio perché era così lontana, si pensava fosse piuttosto grande, cosa che è stata confermata da studi recenti. 

La nuova ricerca, guidata da Emmanuel Lellouch, astronomo dell’Observatoire de Paris, ha utilizzato i dati dell’Atacama Large Millimeter Array in Sud America nell’agosto 2021, quando la cometa si trovava a 19,6 UA di distanza. L’AU, che rappresenta approssimativamente la distanza tra la Terra e il Sole, significa 93 milioni di miglia o 150 milioni di chilometri. Quindi la cometa è ora quasi 19 volte più lontana da noi del Sole.

Esaminando la radiazione a microonde emanata dalla massa della cometa, il team ha scoperto che la dimensione della cometa era di 137 km di diametro , grazie a queste lunghezze d’onda della luce riflessa. Il documento di ricerca ha affermato che questa è la distanza più lunga mai fatta per una tale misurazione. 

Sebbene non possa essere visto ad occhio nudo, gli scienziati ipotizza che potrebbero imparare molto sugli oggetti della Nube di Oort grazie alla cometa. Lellouch e colleghi osservano che grandi telescopi come l’Atacama Array consentiranno ai ricercatori di saperne di più sulla composizione chimica, la temperatura, la rotazione e la forma della cometa ù.

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. Metà Free e Metà Freelancer.

Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Consenti gli annunci sul nostro sito

Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ti ricordiamo che finanziamo il nostro sito soltanto con le pubblicità per sostenere ogni giorno migliaia di lettori. Non essere crudele, disattiva il blocco dei annunci.