La tragica storia della vita del talento Brandenn Bremmer, che si è diplomato al liceo all’età di 10 anni e si è suicidato all’età di 14 anni

Conosciamo tutti il ​​nome Brandenn Bremmer come un giovane genio che si è suicidato per donare i suoi organi a persone bisognose. Quindi era davvero così? Bremmer, un bambino senza problemi secondo i suoi genitori, era davvero in preda alla depressione? Diamo un’occhiata più da vicino alla straordinaria storia di vita del giovane genio Brandenn Bremmer.

Oggi sappiamo che molte persone dotate, che hanno scritto il loro nome di geni nella storia, hanno rivelato questa caratteristica sin dal giorno in cui sono nate. Oltre a chi ha la fortuna di firmare opere importanti, c’è anche chi non riesce a stare al passo con la società. Uno di loro è Brandenn Bremmer, morto suicida in giovane età. Il motivo per cui il giovane genio di nome Brandenn Bremmer si suicidò rimane un mistero ancora oggi.

La notizia del suicidio di Brandenn Bremmer è tornata in un post su Facebook anni dopo, e si diceva che il motivo del suicidio fosse la donazione dei suoi organi. Stranamente, la madre di Bremmer ha usato un’espressione simile dopo il suo suicidio. Tuttavia, studi sull’argomento dimostrano che non è così. Diamo un’occhiata più da vicino alla straordinaria e tragica storia della vita di Brandenn Bremmer.

Brandenn Bremmer è nato un bambino dotato:

Brandenn Bremmer, nata l’8 dicembre 1990 nello stato del Nebraska, negli Stati Uniti, ovviamente ha iniziato la vita come tutti i bambini, ma ha presto rivelato di essere diversa. Bremmer ha imparato a leggere e scrivere all’età di 18 mesi. Il fatto che abbia iniziato a suonare il pianoforte all’età di 3 anni e a comporre le proprie composizioni in breve tempo ha dimostrato a tutti che era un bambino dotato.

L’asilo non era un posto piacevole per lei, perché stava facendo i compiti dei suoi alunni di prima elementare mentre i suoi coetanei dipingevano in un angolo. Dopo un po’, ha detto che non voleva più andare all’asilo e ha iniziato un processo educativo veloce. Ha completato i suoi anni di istruzione con le lezioni che ha preso a casa in 7 anni e si è diplomato al liceo all’età di 10 anni. L’anno in cui iniziò l’università, questa breve vita ebbe una fine inaspettata.

Non era depresso e stava progettando una carriera per se stesso:

La madre di Brandenn Bremmer Petti Bremmer e il padre Martin Bremmer hanno lasciato Brandenn a mezzogiorno del 16 marzo 2005 e sono andati al mercato. Quando sono tornati dal negozio di alimentari, Brandenn giaceva morto sul pavimento con un solo proiettile alla testa. Le squadre di polizia che sono arrivate sul posto hanno convenuto che si trattava indubbiamente di un suicidio, ma dietro non c’era né un biglietto né una lettera.

La madre di Brandenn, Petti Bremmer, ha detto alla polizia e alla stampa che Brandenn non era depresso, non l’aveva mai fatto pressioni per il successo in vita sua, sembrava felice, stava pianificando una carriera come anestesista e stava persino pianificando un album delle sue nuove composizioni.

Non era un disadattato nella vita sociale:

I bambini dotati come Brandenn Bremmer sono spesso visti sperimentare un disadattamento sociale a scuola o in altri ambienti, il che è normale per questi bambini. Ma Branden non è mai stato un disadattato, ha detto sua madre. Aveva amici che amava e gli piaceva passare del tempo con loro.

Oltre al suo piano di carriera e al lavoro sull’album musicale, Brandenn Bremmer era un appassionato di videogiochi. Stava vendendo giochi Nintendo e progettava di acquistare la popolare PlayStation 2 in quel momento. Quindi non c’era motivo per cui Brandenn si uccidesse. Tuttavia, alcune affermazioni fatte dalla madre dopo la sua morte hanno confuso tutti.

Si è suicidato per donare i suoi organi?

Dopo il suicidio di Brandenn Bremmer, sua madre, Petti Bremmer, ha rilasciato una serie di dichiarazioni al quotidiano Times. Una parte di questa dichiarazione, in cui abbiamo appreso molte informazioni sugli ultimi giorni di Brandenn e sul suo stato d’animo generale, era nell’agenda degli Stati Uniti. Secondo Petti, Brandenn si sarebbe ucciso per donare i suoi organi.

Petti Bremmer ha detto che suo figlio è in contatto con il mondo spirituale ed è sensibile alle persone che hanno bisogno di organi vitali come cuore, fegato, reni. Parlando di Brandenn che si è ucciso per salvare quelle persone, Petti in seguito ha detto che era un pensiero confortante, anche se non era vero. Gli organi di Brandenn Bremmer furono donati il ​​giorno della sua morte.

Il fatto che Brandenn Bremmer si sia suicidata con danni minimi ai suoi organi ha rafforzato le affermazioni secondo cui si sarebbe effettivamente uccisa per donazione di organi. Alcuni sensitivi e guaritori che sono venuti a casa dei Bremmer dopo l’evento hanno detto che Brandenn aveva deciso qualcosa del genere prima ancora di nascere e si era dedicato a salvare le persone, proprio come Gesù. Le conversazioni di Brandenn con una ragazza hanno rivelato quanto fosse ridicolo tutto questo.

“Felice di avere qualcuno a cui importa”

Nell’ambito delle indagini avviate dopo il suicidio di Brandenn Bremmer, sono stati interrogati anche i suoi amici con cui era in contatto e sono state esaminate alcune conversazioni private tra loro. Le conversazioni con uno dei suoi pochi amici, una ragazza identificata come K., hanno rivelato che la situazione di Brandenn non era quella che aveva detto sua madre.

Brandenn ha parlato con K. del giorno di Natale e ha detto che lui e la sua famiglia non fanno altro che guardare film. Quando K. le ha mandato una sciarpa che ha fatto a maglia per lui, lo ha ringraziato e ha detto che si sentiva male in questi giorni, che era depresso e che spesso si interrogava sul senso della vita.

Quando K. le disse che era sempre lì per lei come un buon amico e che poteva parlare con lui, Brandenn lo ringraziò di nuovo e disse: “Sono contento che ci sia qualcuno a cui importa”. La comunicazione tra Brandenn e K., che diceva di non poter passare abbastanza tempo con i suoi amici e di essere circondato da idioti, dopo un po’ diminuì. Pochi mesi dopo, Brandenn si suicidò.

Perché Brandenn Bremmer si è suicidato?

Gli studi sul post-suicidio di Brandenn Bremmer hanno rivelato che era un bambino indaco. In altre parole, era dotato e possedeva capacità straordinarie e persino soprannaturali. Per questo, non solo aveva bisogno di un’educazione speciale, ma aveva anche bisogno di un sostegno psicologico per vivere questa vita che faticava a dare un senso.

Incerto, Brandenn soffriva di una grave depressione. Forse la ragione principale di questa situazione era che non avevano gusti in comune con i loro coetanei. Nonostante la sua famiglia lo sostenesse negli studi, aveva comunque bisogno di un supporto psicologico speciale e purtroppo non riuscì a ottenerlo. Anche in questo caso, anche se non certo, l’approccio religioso della sua famiglia, che era al confine del fanatismo, non gli facilitò molto il lavoro e il risultato fu purtroppo estremamente tragico.

Abbiamo parlato della straordinaria storia di vita di Brandenn Bremmer, un bambino dotato che ha concluso la sua vita in tenera età, e dei dettagli che devi conoscere sull’argomento. È estremamente importante non ignorare mai situazioni così insolite che si verificano nei bambini e chiedere consiglio a uno specialista. Puoi condividere le tue opinioni sull’argomento nei commenti. 

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. Metà Free e Metà Freelancer.

Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Consenti gli annunci sul nostro sito

Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ti ricordiamo che finanziamo il nostro sito soltanto con le pubblicità per sostenere ogni giorno migliaia di lettori. Non essere crudele, disattiva il blocco dei annunci.