Le 20 parole suscitate dal web

Per anni, l’Oxford Dictionary Online (ODO) ha fatto notizia per accettare parole che sono ampiamente utilizzate su Internet come parte del vocabolario inglese, officiando così queste parole nella lingua.

Alcune di queste “nuove parole” possono essere utilizzate solo nel contesto o solo su Internet, mentre altre parole esistenti stanno ora acquisendo una nuova identità che portano significati alternativi e, quindi, usi. Il crescente utilizzo di acronimi e abbreviazioni ha cambiato anche il modo in cui usiamo l’inglese.

Oggi esamineremo 20 di questi termini e significati che hanno creato un impatto e una reputazione sufficienti per se stessi da finire ufficialmente nell’Oxford English Dictionary.

1 Selfie


selfie: (sostantivo) una fotografia che si è scattata a se stessi, tipicamente una foto scattata con uno smartphone o una webcam e caricata su un sito di social media.

Gli autoritratti esistono da più di un secolo, ma la popolarità dei selfie è aumentata solo negli ultimi anni, quando gli smartphone ti consentono di scattare una foto di te stesso facilmente, quindi caricare e condividere tali fotografie sui social media.

2. Twerk


twerk: (verbo) balla alla musica popolare in un modo sessualmente provocatorio che coinvolge movimenti di spinta dell’anca e una posizione bassa e accovacciata.


Twerk potrebbe essere stato adattato dalla parola “work” (“werk”), poiché ai ballerini viene spesso detto di “lavorarci”. La “t” extra nella parte anteriore potrebbe essere stata aggiunta per indicare torsione o contrazione.

3. Phablet


phablet: (sostantivo) uno smartphone con uno schermo di dimensioni intermedie tra quello di un tipico smartphone e un tablet.

Un phablet si riferisce a qualcosa tra uno smartphone e un tablet, caratterizzato dalle dimensioni dello schermo comprese tra 5 e 7 pollici.

Sebbene il primo ibrido telefono-tablet sia probabilmente l’AT & T EO 440 del 1993, il termine “phablet” è stato introdotto solo negli anni 2010.

4. Derp

derp: (esclamazione) usato come sostituto di un discorso considerato privo di significato o stupido, o per commentare un’azione sciocca o stupida.


La parola “derp” è stata pronunciata per la prima volta dal co-creatore di South Park, Matt Stone, che ha recitato nei panni di se stesso nella commedia BASEketball nel 1998. L’episodio di South Park “The Succubus” ha anche caratterizzato un personaggio, Mr. “Derp!” ogni volta che si rende ridicolo.

In questi giorni, Derp è spesso usato come segnaposto per un personaggio o un atto (derping) che non è cruciale per la narrazione, principalmente nei fumetti di rabbia. Derp ha molte espressioni facciali per rappresentare lo stato emotivo del personaggio. Derp ha una controparte femminile di nome Derpina.

5. Unlike


Ritirare il proprio gradimento o l’approvazione di (una pagina web o la pubblicazione di un post sui social media che ci è piaciuto in precedenza)

Il pulsante “mi piace” su Facebook ha creato un nuovo significato alla parola già esistente “Unlike”.

Il pulsante è già disponibile su altri siti di social network, forum Internet e siti Web, anche prima che Facebook lo incorporasse, ma non c’è dubbio che Facebook sia stato quello che ha promosso la funzione nel mondo, tanto che la maggior parte delle persone che utilizzano il Internet ora sa cosa significa “Unlike” da qualcosa che prima avevano “Like”.

6. Srsly


srsly: (avverbio) abbreviazione di grave


A causa del limite di 160 caratteri imposto ai messaggi di testo e del limite di 140 caratteri imposto ai siti di microblogging, le vocali sono state rimosse “seriamente”, dandoci in inglese “srsly”.

Oggi, nonostante la rimozione di tali limitazioni con servizi di messaggistica istantanea come WhatsApp e WeChat, la parola è ancora bloccata perché c’erano meno lettere da digitare.

Curiosità: esisteva alla fine del XVIII secolo in alcuni manuali di stenografia!

7. Tweet


tweet: (sostantivo) un post pubblicato su Twitter.

L’Oxford English Dictionary ha ufficialmente incluso il “tweet” a giugno, aggirando la loro richiesta di nuove parole (e significati) da utilizzare per un minimo di 10 anni prima ancora che possano entrare nel dizionario.

8. TL;DR


tl; dr: (acronimo) abbreviazione di “Too long; didn’t read”


Come per tutte le cose su Internet, è un peccato divagare ancora e ancora, poiché la capacità di attenzione dei suoi utenti è fugace nella migliore delle ipotesi. “tl; dr” è comunemente usato nei forum di discussione online per indicare che il post è semplicemente troppo prolisso.

Fedele alla sua parola, o alle sue lettere, la frase “troppo lunga; non ho letto” stessa è ridotta a sole quattro lettere.

9. FOMO


FOMO: (sostantivo) ansia che un evento eccitante o interessante possa accadere, spesso suscitato da post visti sui social media


Nessuno sembra sapere chi ha pronunciato per primo questo acronimo, ma non si può negare che la paura di perdersi è esistita anche prima che esistessero i social network online.

10. GIF


GIF: (verbo) un formato senza perdita di dati per i file di immagine che supporta sia immagini animate che statiche.


Parola dell’anno per il 2012, GIF, che sta per Graphics Interchange Format, mostra immagini animate che girano in loop.

GIF è stato creato da Steve Wilhite a CompuServe nel 1987 ma è stato solo di recente, e dopo anni di dibattiti, che il creatore ha confermato la pronuncia come “jif“.

11. Fotobomber

Photobomb: (verbo) rovinare una fotografia di (una persona o una cosa) apparendo inaspettatamente nel campo visivo della fotocamera mentre viene scattata la foto, in genere come uno scherzo o uno scherzo pratico.

Il photobombing ha le sue radici quando i Beatles erano la cosa più grande del pianeta (circa 1970). Tuttavia, quando la fotografia è passata dall’analogico al digitale, insieme alla proliferazione di foto caricate in siti di condivisione di foto online, il photobombing è diventato una tradizione.

12. woot


woot: (esclamazione) (specialmente nella comunicazione elettronica) usato per esprimere euforia, entusiasmo o trionfo


Normalmente scritto w00t, con due zeri, l’esclamazione è popolare nei forum e tra i giocatori. Ci sono molte teorie relative alla sua origine, ma nessuna può pretendere di essere il vero originale.

13. Inbox


Posta in arrivo: (verbo) inviare un messaggio privato o un’e-mail a (qualcuno, in genere un altro membro di un sito Web di social network o di una bacheca di messaggi Internet.


Se pensi che la posta in arrivo esistesse quando le e-mail stavano diventando sempre più popolari, avresti ragione a metà.

A quei tempi, tuttavia, era più un sostantivo che un verbo. A partire dal 2012, la parola può anche essere definita verbo. “Inbox me” è essenzialmente una richiesta “inviami un messaggio privato“, anche se ora abbiamo una versione ancora più breve per questo: PM.

14. Sext


sext: (verbo) inviare (a qualcuno) fotografie o messaggi sessualmente espliciti tramite telefono cellulare.


Una combinazione della parola “sesso” e “sms”, l’idea di inviare messaggi osceni o foto tramite telefoni cellulari ha preso il volo quando l’MMS ha superato gli SMS come mezzo per comunicare attraverso il cellulare.

15. OMG

blank

Spiegazione
OMG: (esclamazione) usato per esprimere sorpresa, eccitazione, incredulità, ecc. (Verbo)


Abbreviazione di “Oh mio dio”, l’abbreviazione popolare “OMG” è stata registrata nella storia in una lettera di corrispondenza dell’ex ammiraglio John Fisher all’ex primo ministro del Regno Unito, Sir Winston Churchill , nel 1917.

Oggi viene utilizzato pesantemente quando si esprime sorpresa, insieme a una manciata di variazioni: omfg, zomg e una versione lisp ehmargerd.

16. LOL


Ridere ad alta voce; ridere ad alta voce (utilizzato principalmente nelle comunicazioni elettroniche per attirare l’attenzione su uno scherzo o un’affermazione divertente, o per esprimere divertimento).


Molto utilizzato durante i primi anni di Internet (primi anni ’90), LOL ha compensato l’ambiguità della comunicazione testuale.

Utilizzato in un modo familiare alle emoticon, ora si è inserito nelle conversazioni quotidiane tramite testo in e-mail, gruppi di chat, messaggi di testo e siti di social.

17. Noob


noob: (sostantivo) una persona che non ha esperienza in una particolare sfera o attività, in particolare informatica o uso di Internet.


Normalmente scritto come “n00b” con due zeri, la parola deriva da “newb” o “newbie” che si riferisce a qualcuno che sta appena iniziando a usare la Rete.

Fatto curioso, è diventata quasi la milionesima parola della lingua inglese nel 2009.

18. Hashtag

hashtag: (sostantivo) una parola o una frase preceduta da un cancelletto (#), utilizzata sui siti di social media come Twitter per identificare i messaggi su un argomento specifico.


Sebbene l’hashtag non sia stato inventato online, è stato sicuramente ridefinito per l’uso online. Molte fonti hanno indicato il sostenitore dell’open source Chris Messina (alias “FactoryJoe”) che ha iniziato la partita suggerendo l’uso di hashtag in un semplice tweet.

19. Unfriend


Unfriend: (verbo) rimuovere (qualcuno) da un elenco di amici o contatti su un sito di social network.


Come la parola “Unlike”, “non amico” è l’opposto di “amico”: aggiungere qualcuno al tuo elenco di contatti o amici dei social network.

A differenza della parola “Unlike”, tuttavia, “unfriend” è stata incoronata parola dell’anno nel 2009, l’anno in cui Facebook si stava espandendo in modo esponenziale.

20. Troll


Troll: (verbo) pubblicare un messaggio online deliberatamente offensivo o provocatorio con l’obiettivo di turbare qualcuno o suscitare una risposta arrabbiata da parte sua.


I troll erano usati per descrivere brutti nani o giganti nel 1600, ma nell’inglese moderno descrive un metodo di pesca in cui si trascina con cura una lenza con un amo innescato attraverso l’acqua per attirare la sua cattura.

Per molti versi, questo è simile a come alcune persone online provocano o aggravano gli altri tramite post offensivi o irrilevanti, nel tentativo di evocare una risposta emotiva. Da allora, la parola “troll” è usata per descrivere l’atto di provare a creare scompiglio nelle discussioni online.

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. • Metà Free e Metà Freelancer • mail@trgtkls.org

Articoli correlati

No More Posts