Pagina inizialeNotizieLegge Sui Social Media, come influenzerà gli utenti in Turchia?

Legge Sui Social Media, come influenzerà gli utenti in Turchia?

Il regolamento sui social media, che è stato accettato dalla Grande Assemblea Nazionale turca, è ora in vigore.


I problemi di sicurezza vissuti dalle società di social media, specialmente nel 2015 e in seguito, hanno portato all’entrata in vigore delle normative legali in tutto il mondo. Il focus di questi accordi presi al di fuori dei paesi che sono il centro di società di social media come gli Stati Uniti e la Cina era di eliminare le preoccupazioni della “sicurezza nazionale” e di proteggere le informazioni personali dei cittadini con mezzi legali.

sanzioni e regolamenti sui social media e in Turchia sono stati applicati a intervalli regolari. Tuttavia, ora ci sono applicazioni come YouTube, TikTok e Instagram, che vengono utilizzate da 30 a 35 milioni di persone nel nostro paese. I canali in cui sono attive così tante persone sono di grande importanza commerciale ed economica. Pertanto, per vietare o limitare non si può dire ora, questa situazione si sta verificando in modo sconcertante conseguenze economiche (dimensione degli investimenti digitali in Turchia TL 2,9 miliardi).

Nel luglio 2020 per il futuro dei social media in Turchia è stato un mese importante. In appena un mese, la proposta di legge, e quindi l’accordo sui social media, che è diventato una legge, avrà un impatto a tutti i livelli dalle aziende agli utenti nei prossimi anni. Quindi quali sono le dimensioni della legge sui social media che riguardano gli utenti?

Fornitore di social network: persone reali e giuridiche che possono creare, visualizzare o condividere vari contenuti come testo, suono, immagine, posizione su Internet.

Secondo questa definizione, le società di social media sono ora ufficialmente definite come fornitori di social network nel nostro paese. All’interno di questa definizione, piattaforme di condivisione di contenuti pubblici come Facebook, Instagram, Twitter, TikTok, YouTube; possono anche essere incluse applicazioni di messaggistica e videochiamate, siti Web che consentono agli utenti di interagire.

Se le piattaforme dei social media si rivelano un crimine, non ci saranno barriere di accesso radicali. Il contenuto ritenuto reato non verrà bloccato. Verrà invece richiesto di eliminare il contenuto in questione dalla piattaforma o dal creatore.

Ad esempio, se su Twitter sono presenti numerosi post penali, Twitter non verrà bloccato e verrà applicata una legge per rimuovere i post pertinenti. Come utenti, segnaleremo i contenuti criminali alla piattaforma e saremo in grado di intentare un’azione legale su questi contenuti. Le piattaforme dovranno restituirci entro 48 ore.

Ad esempio, ti siedi in un bar, sei connesso a Internet e stai trascorrendo del tempo … Un’altra persona seduta nello stesso bar con te ha condiviso un contenuto criminale sui social media. Sei connesso a Internet con dispositivi diversi sullo stesso indirizzo IP. I tuoi dispositivi hanno anche indirizzi IP che funzionano come un numero di identificazione.

Informazioni IP, tempi di inizio e fine dell’utilizzo, quantità di dati trasferiti, informazioni di identificazione dell’utente possono già essere apprese. Ora, tra queste informazioni sono state aggiunte “informazioni sulla porta”. Se lo spieghiamo senza entrare nei dettagli tecnici; il proprietario della condivisione del crimine può ora essere descritto in modo più dettagliato in modo digitale.

Ogni piattaforma di social media ha il proprio sistema di reclami. Tuttavia, lamentarsi di una condivisione o di un account problematico che è la fonte della condivisione è molto problematico per la maggior parte degli utenti. Con la legge, le società di social media sono state invitate a rendere più utili i loro sistemi di reclamo. Le aziende dovranno aggiornare i dipartimenti competenti entro 3 mesi.

Quando ti lamenti per un post o un account, la piattaforma interessata esaminerà il reclamo e l’account o il post. Se il reclamo è corretto, la condivisione verrà eliminata o l’account verrà chiuso. Le società di servizi di social network avranno 48 ore per completare questo processo. Il risultato dell’operazione verrà inoltrato all’utente.

Twitter, Facebook, TikTok, Instagram, YouTube, WhatsApp, Telegram … È stato reso obbligatorio per le aziende che ogni piattaforma o piattaforme sono affiliate per avere rappresentanti nel nostro paese. Se questo rappresentante sarà una persona reale, sarà un cittadino turco. Come utenti, saremo in grado di vedere chiaramente le informazioni del rappresentante o di un’altra società.

Per la legge sui social media che entrerà in vigore dal 1 ° ottobre 2020, è stata presa come riferimento una legge di nome Netzdg, che è entrata in vigore in Germania. In generale, la legge nel nostro paese e la legge in Germania contengono molti dettagli in cui l’utente diventa vantaggioso. Impone responsabilità sulla piattaforma che usano, non sugli utenti.

Naturalmente, come utenti, le nostre responsabilità sono grandi. Tuttavia, queste responsabilità non hanno nulla a che fare con i social media, ma con regole etiche generali. Le condivisioni contenenti insulti, parolacce o discorsi di odio vari non dovrebbero essere fatte. Con la nuova legge, è più semplice imporre sanzioni a queste azioni e ai proprietari delle azioni, e l’utente vittima viene fornito per trarne vantaggio.

Il focus delle discussioni sulla legge sui social media è ai fini della legge. In altre parole, “ciò che costituisce un crimine” sarà determinato dall’atteggiamento delle forze dell’ordine.

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. • Metà Free e Metà Freelancer • mail@trgtkls.org

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *