Oxford: 90 giorni dal risultato positivo per COVID-19, abbiamo un alto rischio di sviluppare una malattia mentale

Mentre i sintomi fisici e gli effetti collaterali di COVID-19 sono stati ampiamente studiati e riportati, non ci sono stati molti studi che parlano degli effetti mentali di questo virus. Un nuovo studio di Oxford ha scoperto che nei tre mesi successivi al test positivo per COVID-19 una persona ha un rischio maggiore di sviluppare una sorta di malattia mentale.

Questo studio parla anche di quelle persone che hanno un disturbo psichiatrico preesistente, hanno una probabilità del 65% in più di contrarre e di essere risultate positive al COVID-19.

I ricercatori dell’Università di Oxford, del Dipartimento di Psichiatria e del NIHR Oxford Health Biomedical Research Center hanno esaminato le cartelle cliniche elettroniche TriNetX di 69 milioni di persone negli Stati Uniti. Questi record includono oltre 62.000 casi di COVID-19 diagnosticati tra il 20 gennaio e il 1 agosto 2020.

I risultati di questo studio sono stati pubblicati su The Lancet Psychiatry.

Lo studio ha rilevato che a uno su cinque sopravvissuti al COVID-19, nei tre mesi successivi al test, è stata diagnosticata ansia, depressione o insonnia. Tuttavia, una persona su quattro non aveva precedenti di una malattia mentale preesistente prima del COVID-19

I ricercatori hanno anche scoperto che c’era un rischio maggiore di demenza in coloro che si riprendevano dal virus.

Secondo una dichiarazione dell’università, quasi il 20% delle persone ha ricevuto una diagnosi psichiatrica entro 90 giorni dal test positivo per COVID-19.

Reuters ha riferito che altri specialisti della salute mentale che non sono stati coinvolti nello studio hanno affermato che questi risultati si aggiungono alla crescente evidenza che COVID-19 può influenzare il cervello e la mente, aumentando il rischio di una serie di malattie psichiatriche.

“Le persone erano preoccupate che i sopravvissuti al COVID-19 fossero a maggior rischio di problemi di salute mentale, e le nostre scoperte … mostrano che ciò è probabile”, ha detto in una dichiarazione Paul Harrison, il ricercatore capo e professore di psichiatria a Oxford

“I servizi (sanitari) devono essere pronti a fornire assistenza, soprattutto perché è probabile che i nostri risultati siano sottostimati del numero effettivo di casi. Abbiamo urgentemente bisogno di ricerche per indagare le cause e identificare nuovi trattamenti”, ha aggiunto.

Il dottor Max Taquet, NIHR Academic Clinical Fellow, che ha condotto le analisi, ha dichiarato in una dichiarazione: “Avere un disturbo psichiatrico dovrebbe essere aggiunto all’elenco dei fattori di rischio per COVID-19”.

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. • Metà Free e Metà Freelancer • mail@trgtkls.org

Articoli correlati

No More Posts