Salvataggio di Harrison Okene, 30 Metri Sotto L’oceano

Di fronte a minacce come il gelo e l’avvelenamento da anidride carbonica, non sarebbe sbagliato dire che Okene è sopravvissuto miracolosamente. Harrison Okene, che è rimasto intrappolato in una piccola stanza e nell’oscurità totale a una profondità di 30 metri sotto il mare e stato salvato dopo 3 giorni. Harrison è rimasto in vita grazie alla sacche di aria che si erano formati in varie stanze e scomparti.

In realtà non sono i soccorsi ad arrivare ​​a Harrison, è stato Harrison a raggiungerli.

In quella giornata Lo scopo di questa squadra era quello di raccogliere i corpi sott’acqua . La squadra, che comprendeva 6 subacquei oltre allo staff tecnico, ha faticato per un po’ ad aprire la porta trattenuta dall’acqua. Quando sono entrati all’interno, le operazioni di perquisizione sono iniziate in condizioni difficili. Harrison ha pensato che gli altri suoi compagni di squadra potessero essere vivi, ma dei 12 membri dell’equipaggio in cui si trovava, solo lui è sopravvissuto all’evento. Degli altri sono stati raccolti i corpi di 10 persone, ma cosa sia successo al corpo delle restanti 1 è ancora sconosciuto.

Chi è Harrison?

Harrison, che si era sposato da poco, si guadagnava da vivere facendo il cuoco di bordo. Sebbene il tempo fosse bello il giorno in cui salparono, nessuno sapeva della tempesta che avrebbe causato il disastro nel corso della giornata . Inoltre, oltre alla tempesta, c’era un’altra minaccia tenuta a mente: i pirati. Per evitare questa minaccia, l’equipaggio ha chiuso a chiave le cabine durante il riposo. Questo è stato uno dei motivi che ha reso difficile la fuga dell’equipaggio quando è arrivata la tempesta e ha ribaltato la nave mentre tutti dormivano.

Il soccorso

Mentre era all’interno, Harrison ha sentito il suono di un’ancora che veniva lanciata e il suono di sommozzatori che entravano. Ma non era sicuro se fossero reali o se il suo cervello gli stesse giocando brutti scherzi. Di conseguenza, si rese conto che non aveva altra scelta che correre il rischio e fece un respiro profondo ed entrò in acqua. Prima che Harrison lo facesse, un subacqueo di nome Nico gli era effettivamente passato accanto.

Ma anche se Harrison ha fatto un rumore, Nico è andato avanti senza ascoltarlo. Quindi Harrison si tuffò in acqua e cercò di seguirlo. Infine, Nico vide la mano di HarrisonMa è andato nel panico quando la mano di Harrison ha preso la sua. In quel momento, l’ufficiale a bordo della nave disse: “È vivo! E ‘vivo!” può essere ascoltato nel video. Da lì, i subacquei si sono trasferiti nella stanza di Harrison e hanno applicato cure mediche con l’aiuto del team tecnico. A questo punto, potresti pensare: “Perché non l’hanno portato subito in superficie? Potrebbe sorgere una domanda.

Per rispondere a questa domanda, dobbiamo considerare approssimativamente la malattia nota come hit o decompressione. La suddetta malattia comporta il passaggio improvviso da luoghi ad alta pressione (come il fondale marino) a luoghi a bassa pressione (come la superficie del mare), provocando la miscelazione del gas nel corpo con il sangue e causando condizioni come dolore e paralisi. Soprattutto se abbinato a situazioni come il panico, possono verificarsi scenari mortali.

Per evitare questo problema, avevano bisogno di riscaldare il corpo di Harrison. Hanno usato anche l’acqua calda per questo. Presto gli mostrarono come usare la maschera di ossigeno e portarono Harrison in superficie. Dopo aver raggiunto la superficie, Harrison è stato trattato per un po’ nella camera a pressione in modo che il problema della pressione potesse essere risolto completamente.

Video del salvataggio e del ritrovamento di Harrison;

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. Metà Free e Metà Freelancer.

Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Consenti gli annunci sul nostro sito

Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ti ricordiamo che finanziamo il nostro sito soltanto con le pubblicità per sostenere ogni giorno migliaia di lettori. Non essere crudele, disattiva il blocco dei annunci.