SSH Timeout: Aumentare Tempo di Connettività SSH

Se l’utente SSH rimane inattivo per lunghi periodi dopo essersi connesso a un server remoto, l’utente deve riconnettersi al server tramite SSH.

La connessione del server viene ripristinata se l’utente non svolge alcuna attività per un po’ di tempo. È necessario per motivi di sicurezza. Ma quando l’utente tenta di eseguire qualsiasi attività sul server che richiede tempi lunghi per essere completata, l’utente dovrà accedere più volte dopo un certo tempo. A volte diventa molto irritante per l’utente. Dovresti aumentare il timeout della connessione SSH per risolvere questo problema.

Come Aumentare il timeout della connessione SSH

Accedi al tuo server tramite SSH con privilegi ROOT, e apri il file sshd_config con il comando:

vi /etc/ssh/sshd_config

Scorri e individua i seguenti parametri:

#ClientAliveInterval 
#ClientAliveCountMax

di cui,

  • ClientAliveInterval: Imposta un intervallo di timeout in secondi dopo il quale se non sono stati ricevuti dati dal client, sshd invierà un messaggio attraverso il canale crittografato per richiedere una risposta dal client. Il valore predefinito è 0, che indica che questi messaggi non verranno inviati al client. Questa opzione si applica solo alla versione 2 del protocollo.
  • ClientAliveCountMax: Imposta il numero di messaggi attivi del client che possono essere inviati senza che sshd riceva alcun messaggio dal client. Se questa soglia viene raggiunta durante l’invio dei messaggi client attivi, sshd disconnetterà il client, terminando la sessione.

Il valore di Timeout sarà 1200 secondi * 3 = 3600 secondi. Questo è un equivalente di 1 ora, il che implica che la tua sessione ssh rimarrà attiva per un tempo di inattività di 1 ora senza disconnettersi.
In alternativa, puoi ottenere lo stesso risultato specificando solo il parametro ClientAliveInterval.

dunque premi “i” per attivare le modifiche sul file e imposta il valore 3600 ad ClientAliveInterval. Per salvare e uscire dal file premi “ESC” poi “:wq!“.

Ricordati si riavviare openSSH con il comando:

sudo systemctl reload sshd
blank

E tutto.

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. • Metà Free e Metà Freelancer • mail@trgtkls.org

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No More Posts