Turchia; partenza per Canal Istanbul

La prima fondazione del progetto Kanal Istanbul è stata posta oggi con la partecipazione del presidente Erdogan. Erdogan ha rilasciato dichiarazioni importanti durante la cerimonia. È stato annunciato che il canale dovrebbe essere costruito in 6 anni con un costo di 15 miliardi di dollari.

Oggi sono stati posati le prima fondamenta di Kanal Istanbul, la cerimonia di inaugurazione del primo ponte da costruire sul canale si è svolta con la partecipazione del presidente Erdoğan. Il presidente Erdoğan ha condiviso importanti informazioni sul canale durante la cerimonia.

blank

Durante il suo discorso, Erdogan ha usato le parole “Oggi apriamo una nuova pagina nella storia dello sviluppo della Turchia” per Kanal Istanbul e ha affermato che negli anni ’30, una media di 3 mila navi all’anno attraversavano il Bosforo, e oggi questo numero ha raggiunto 45 mila. Affermando che le navi che attraversano il Bosforo possono avere una lunghezza fino a 350 metri, Erdoğan ha affermato che questa situazione rappresenta un serio rischio per la città.

blank

Erdogan ha annunciato che la lunghezza del canale Istanbul è di 45 chilometri, la sua larghezza di base è di almeno 275 metri e la sua profondità è di 21 metri. Ha poi affermato che saranno costruiti 6 ponti sul Canale, e il primo è il ponte le cui fondamenta sono state poste oggi.

Scopriamo unpo di più questo Kanal Istanbul (Canal Istanbul)

Il Bosforo, attraverso il quale passano circa 43.000 navi all’anno, è un corso d’acqua naturale con un punto più stretto di 698 m. L’aumento del tonnellaggio del traffico navale, l’aumento delle dimensioni delle navi a seguito degli sviluppi tecnologici e l’aumento del numero di navi (cisterne) che trasportano carburante e altre sostanze pericolose/tossiche simili rappresentano una grande pressione e minaccia su Istanbul.

blank
Situazione attuale della navigazione

Nel Bosforo ci sono curve strette, forti correnti e traffico marittimo urbano che si interseca verticalmente con traffico di navi in ​​transito che rischiano il trasporto fluviale. Centinaia di migliaia di residenti vivono su entrambi i lati del Bosforo. Il Bosforo è un luogo di commercio, vita e transito per milioni di abitanti di Istanbul durante il giorno. Il Bosforo sta diventando ogni anno più pericoloso in termini di rischi posti dal traffico navale di passaggio. Il numero annuo di transiti navali, che era 3-4mila 100 anni fa, è aumentato e ha raggiunto oggi i 45-50mila. Grazie all’organizzazione del traffico a senso unico attuata per aumentare la sicurezza della navigazione, il tempo medio di attesa nel Bosforo per navi grandi è di circa 14,5 ore. Il periodo di attesa a volte può richiedere 3-4 giorni o anche una settimana a seconda del traffico della nave e delle condizioni meteorologiche e talvolta un incidente o un malfunzionamento.

blank

In questo quadro, è diventato obbligatorio progettare un corridoio di transito alternativo al Bosforo. Il viaggio sicuro per le nostre persone sarà garantito evitando il rischio di incidenti mortali causati dall’intersezione verticale di 90 gradi delle navi che transitano sulle linee cittadine, che trasportano 500mila passeggeri al giorno, con Kanal Istanbul. Allo stesso tempo, sarà possibile aumentare la quota del trasporto marittimo nel trasporto urbano.

In questo contesto, l’obiettivo del progetto Kanal Istanbul è quello di

  • Proteggendo il tessuto storico e culturale del Bosforo e aumentandone la sicurezza,
  • Prima di tutto, riducendo l’onere causato dal traffico marittimo nel Bosforo e aumentando la sicurezza del Bosforo.
  • Garantire la sicurezza del traffico sul Bosforo,
  • Garantire la sicurezza della navigazione,
  • Creazione di una nuova via navigabile marittima internazionale
  • Creazione di una moderna area residenziale antisismica basata su un’architettura orizzontale, tenendo conto di un possibile terremoto di Istanbul.

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. • Metà Free e Metà Freelancer • mail@trgtkls.org

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No More Posts