Ultimo Minuto: l’Armenia colpisce i civili nella città di Gäncä e Mingachevir! 5 persone hanno perso la vita, Una Bimba e grave

Ultimo minuto! Ancora una volta l’Armenia ha preso di mira i civili nella tensione del Karabakh con l’Azerbaigian. Le città di Ganja e Mingechevir, in Azerbaigian, più volte bersaglio di attacchi armeni in passato, sono state colpite da missili balistici a mezzanotte. È stato affermato che 5 civili sono morti nell’attacco, 35 persone sono rimaste ferite e molte persone sono sotto le macerie.


L’Armenia, che ha subito pesanti perdite contro l’esercito azerbaigiano, continua a prendere di mira i civili. L’esercito armeno ha attaccato le città di Ganja e Mingechevir, sempre con missili balistici, l’edificio dove vivevano 10-15 famiglie è stato completamente distrutto. Continuano gli sforzi per salvare chi è sotto le macerie. Fonti locali riferiscono che ci sono persone che hanno perso la vita e sono rimaste ferite.

D’altra parte, un cittadino azerbaigiano, che ha parlato alla trasmissione della CNN Turk dalla scena, ha detto che c’erano 25-30 cittadini sotto le macerie. Un altro cittadino ha detto: “Hanno effettuato un attacco con un missile a lungo raggio. È disumano organizzare un simile attacco mentre i bambini dormono. I civili vengono uccisi. Il vicepresidente azero Hikmet Hacıyev ha dichiarato sui social media: “Le forze armate armene, nascoste dietro il cessate il fuoco umanitario, continuano a commettere terrorismo e crimini di guerra. Le città dell’Azerbaigian Ganja e Mingachevir sono state attaccate dai missili. Saranno accertati i feriti e i danni “. 35 civili sono rimasti feriti e 5 civili sono morti. 2 bambini sono tra i morti. Il lavoro di emergenza è ancora in corso. Continuano i crimini di terrore e di guerra dell’Armenia “

blank
blank

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. • Metà Free e Metà Freelancer • mail@trgtkls.org

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No More Posts