Un robot fotografa il disastro nucleare di Fukushima

I residui di combustibile fuso caduti sul fondo del reattore nel disastro nucleare di Fukushima avvenuto nel 2011 sono stati catturati con successo per la prima volta. In zona è stata avviata un’indagine per saperne di più.

Il terremoto di Tōhoku di magnitudo 9,0 verificatosi in Giappone nel 2011 e lo tsunami che ne è seguito hanno causato gravi danni al sistema di raffreddamento della centrale nucleare di Fukushima I , e con l’esplosione subita dopo lo scioglimento dei tre nuclei del reattore, gravi quantità di materiale è stato rilasciato nell’atmosfera. Questo disastro nucleare è stato descritto dagli esperti come il secondo disastro nucleare più grande della storia dopo quello di Chernobyl nel 1986

Residui di combustibile nucleare; in data 09/02/2022

Dopo più di 10 anni dal disastro di Fukushima, che è descritto come l’incidente nucleare più complesso fino ad oggi, i resti di combustibile nucleare, che si sciolsero e caddero sul fondo del reattore, che fu più danneggiato nella centrale elettrica, furono con successo catturato per la prima volta. In zona è stata avviata un’indagine per saperne di più.

La maggior parte del loro combustibile altamente radioattivo nell’esplosione è caduto sul fondo dei loro contenitori, rendendo estremamente difficile rimuoverli. Oggi, nei tre reattori danneggiati della struttura rimangono ancora circa 900 tonnellate di combustibile nucleare fuso, di cui 280 nell’Unità Uno. Le autorità prevedono che ci vorranno 30-40 anni per rimuovere questi resti . 

Nel 2017 un piccolo robot dotato di telecamere è stato inviato all’Unità 1, che è ricoperta da acqua radioattiva profonda 2 metri; Questo tentativo è stato un fallimento a causa dell’elevata radiazione e dei danni strutturali interni. Ma per la prima volta, un robot ROV-A dotato di piccole telecamere è riuscito a scattare foto di strutture sommerse nel combustibile fuso e nell’acqua di raffreddamento, ha affermato giovedì l’operatore dell’impianto Tokyo Electric Power Company (TEPCO). Nella dichiarazione, è stato affermato che il robot ha acquisito immagini interne del contenitore di contenimento primario durante la sua missione per aprire la strada alle sonde.

Il portavoce dell’azienda Kenichi Takahara ha osservato che dal fondo del container si sollevavano cumuli di detriti, alcuni dei quali si trovavano all’interno del plinto, una struttura sotto il nucleo, e che i cumuli erano combustibile fuso che cadeva nell’area. Takahara ha aggiunto che  saranno necessarie ulteriori ricerche per confermare quali sono gli oggetti nelle immagini .

D’altra parte, Takahara ha affermato che il robot a un certo punto ha misurato un livello di radiazioni mortale per l’uomo. In precedenza, il limite di esposizione annuale per i lavoratori dell’impianto era di 50 millisievert. 

TEPCO ha osservato che verranno effettuate ulteriori sonde dopo aver analizzato i dati e le immagini iniziali raccolti dal robot. Inoltre, nelle indagini, che proseguiranno nei prossimi mesi, verranno utilizzati  altri cinque robot, sviluppati congiuntamente da Hitachi-GE Nuclear Energy e dall’International Nuclear Decommissioning Research Institute, un consorzio finanziato dal governo.

I funzionari della TEPCO hanno affermato che l’indagine presso l’Unità 1 mirava a misurare i cumuli di combustibile fuso, mapparli in tre dimensioni, analizzare gli isotopi e la radioattività e raccogliere campioni. Questi dati, che sono cruciali per lo sviluppo di apparecchiature e strategie per la rimozione sicura ed efficiente del combustibile fuso, consentiranno anche l’ eventuale disattivazione del reattore. Inoltre, TEPCO prevede di utilizzare un braccio robotico entro la fine dell’anno per estrarre  per la prima volta una siviera di carburante fuso dall’Unità Due, l’unità in cui le sonde robotiche interne hanno compiuto i maggiori progressi.

 

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. Metà Free e Metà Freelancer.

Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Consenti gli annunci sul nostro sito

Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ti ricordiamo che finanziamo il nostro sito soltanto con le pubblicità per sostenere ogni giorno migliaia di lettori. Non essere crudele, disattiva il blocco dei annunci.