Scoperti delle nuove creature nelle profondità dell’oceano

Come parte di un nuovo studio, gli scienziati hanno esaminato il sedimento oceanico profondo che copre quasi l’intera superficie terrestre. Come risultato della ricerca, è stato scoperto che ci sono creature che vivono qui, la maggior parte delle quali sono sconosciute alla scienza moderna.

Le profondità degli oceani sono da secoli fonte di curiosità per le persone, almeno quanto le profondità dello spazio. Se consideriamo che ci sono ancora molti punti inesplorati negli oceani del mondo che sono ancora da scoprire e che ci sono molte specie sconosciute che vivono lì, qualsiasi ricerca sugli oceani è ovviamente interessante.

I ricercatori che vogliono far luce su questo mistero sugli oceani che sono in corso dall’esistenza dell’umanità, hanno esaminato e ottenuto risultati che rivelano la  sorprendente diversità della vita microscopica che prospera nelle parti più profonde e oscure del nostro pianeta.

Il sedimento oceanico profondo, che copre più della metà della superficie del nostro pianeta, è di difficile accesso, il che significa che non abbiamo quasi idea di cosa stia succedendo nelle profondità oceaniche in cui si trova questo sedimento. Nonostante negli ultimi anni abbiamo scoperto una piccolissima parte delle profondità marine grazie a veicoli telecomandati, anche questa piccola parte scoperta è bastata a mostrarci che c’è  un mondo profondo dentro che non abbiamo mai conosciuto.

Nell’ambito della nuova ricerca, campioni di sedimenti raccolti da diverse parti del mondo sono stati analizzati per il DNA ambientale. Esaminando questo DNA rilasciato dalle creature marine, i ricercatori hanno anche trovato tracce di microbi e altre piccole creature che costituiscono l’ecosistema sotto il fondo del mare. 

Confrontando i risultati qui ottenuti con altri dati esistenti sul DNA del plancton raccolti dagli strati superiori dell’oceano, i ricercatori sono fiduciosi che i nuovi dati appartengano solo agli esseri viventi nelle profondità.

 Di conseguenza, hanno scoperto che la maggior parte degli organismi eucarioti che vivono sul fondo dell’oceano sono sconosciuti alla scienza moderna. In effetti, sembra che il fondo dell’oceano ospita  almeno tre volte la diversità della vita microbica rispetto alle acque superiori.

“Abbiamo confrontato le nostre sequenze di DNA bentonico di acque profonde con tutte le sequenze di riferimento disponibili per gli eucarioti conosciuti”, osserva il genetista Jan Pawlowski dell’Università di Ginevra in Svizzera, che è uno del team di ricerca che ha messo insieme un set di dati molecolari così coerenti a livello globale il mondo oceanico per la prima volta. I dati ottenuti mostrano che circa due terzi della diversità bentonica non possono essere assegnati a nessun gruppo noto, Pawlowski afferma che ciò significa che c’è un grande divario nella nostra conoscenza della biodiversità marina. 

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. Metà Free e Metà Freelancer.

Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Consenti gli annunci sul nostro sito

Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ti ricordiamo che finanziamo il nostro sito soltanto con le pubblicità per sostenere ogni giorno migliaia di lettori. Non essere crudele, disattiva il blocco dei annunci.