La criptovaluta può essere bandita?

Home / Tecnologia / La criptovaluta può essere bandita?
La criptovaluta può essere bandita?

Con i recenti casi di repressione FTX di una delle più grandi piattaforme di crittografia a causa della crisi di liquidità del suo token e con il G20 che sta seriamente considerando di vietare la criptovaluta, l’argomento non è mai stato così caldo. Gli eventi menzionati hanno suscitato preoccupazioni e dubbi sulla trasparenza del mercato delle criptovalute e sulla capacità di proteggere l’investimento di un utente. Le discussioni ruotano attorno al denaro digitale. Mentre alcuni sostengono l’uso, l’acquisto gratuito e la vendita di prodotti crittografici, altri lo vedono come una minaccia in molti modi.

Innanzitutto, le restrizioni hanno influenzato Bitcoin, con conseguente limitazione delle operazioni di trading e del possesso di Bitcoin. Alcuni temono che i paesi possano prendere il posto della moneta digitale rispetto a quella convenzionale, minacciando così le valute nazionali. Tuttavia, Bitcoin non è solo. Anche altre criptovalute sono state bandite in diverse parti del mondo.

Ad esempio, la Cina ha vietato tutte le transazioni di criptovaluta, sostenendo che le monete crittografiche sono “beni speculativi”. Queste restrizioni sono diventate ancora più severe dopo il crollo della stablecoin Terra Luna. Allo stesso tempo, una delle più grandi banche del paese, la Banca popolare cinese, ha avviato la propria valuta elettronica, il che significa che sarà in grado di controllare ancora meglio le transazioni.

Quindi, la domanda è: è possibile vietare le criptovalute e le restrizioni sono efficaci? Approfondiamo la questione e traiamo le conclusioni.

Paesi che attualmente vietano la criptovaluta

È noto che Bolivia, Cina, Colombia, Indonesia, Egitto, Turchia, Nepal, Ghana e India hanno vietato quasi tutte le criptovalute. Inoltre, molti di questo elenco criminalizzano il possesso, l’emissione, l’estrazione, il commercio e l’invio di monete. Tuttavia, se pensi che solo i paesi del terzo mondo perseguitino in modo aggressivo i token digitali, non hai ragione. Ad esempio, la Macedonia del Nord ha ufficialmente vietato criptovalute come Bitcoin, Ethereum e alcune altre.

Allo stesso tempo, è spesso possibile aggirare le limitazioni. Ciò è dimostrato dalla presenza di grandi scambi di criptovalute. Ad esempio, il cambio di valuta digitale Bitsos in Messico ha più di 1 milione di utenti attivi, sebbene lì l’uso e lo scambio di criptovalute siano complicati. Per aggiungere ironia della sorte, nonostante il divieto, fino al 5% del mining mondiale di BTC avviene in Iran, dove è completamente vietato.

In Egitto e India, il divieto è legato anche a motivi morali e religiosi, con i governi che affermano che la criptovaluta può rovinare le nuove generazioni se messa nelle mani sbagliate, o addirittura includono il divieto nei decreti religiosi.

Paesi crypto-friendly che continuano a limitare le criptovalute

Esempi di paesi che non mirano a vietare completamente la criptovaluta ma a limitarne la libera evoluzione includono gli Stati Uniti, Hong Kong, Singapore e molti paesi europei.

In questi luoghi, la legislazione che limita l’uso delle criptovalute ha la natura di raccomandazioni. Ciò non sembra radicale, fatta eccezione per le attività della Securities and Exchange Commission. Ha citato in giudizio grandi scambi come Binance e Coinbase e ha fatto sì che altri importanti scambi, Gemini e Bittrex, si trasferissero in altri luoghi, fermando gli scambi negli Stati Uniti

D’altra parte, la Securities and Futures Commission di Hong Kong, altrimenti denominata SFC, controllerà il commercio di asset virtuali e concederà licenze alle piattaforme di scambio di criptovaluta affinché gli utenti possano convertire BTC in ETHcosì come centinaia di altre coppie legalmente.

Analizzando la situazione relativa ai divieti sulle criptovalute in tutto il mondo, sembra che gli organismi politici globali stiano gradualmente diventando più consapevoli del potere delle criptovalute e delle minacce che potrebbero comportare. È davvero allarmante e deludente per coloro che sono impegnati nel settore delle criptovalute e per gli investitori. Tuttavia, è chiaro che la criptovaluta non può essere bandita completamente.

Le risorse digitali probabilmente continueranno a prosperare, forse, cambiando le piattaforme. Se stai cercando dove scambiare le tue monete virtuali in questi giorni, considera LetsExchange. Non è necessaria alcuna registrazione e sono disponibili per lo scambio quasi 3.500 monete a tassi fissi o variabili. L’exchange offre anche la conversione di criptovalute in fiat, ad esempio BTC in EUR e ritorno, con la possibilità di monitorare ogni transazione e trarne il massimo vantaggio.

Lascia un commento

Lindirizzo email non verrà pubblicato, i campi obbligatori sono contrassegnati con *