La nuova tecnologia potrebbe svolgere un ruolo fondamentale nello sviluppo dei computer nella prossima generazione

È stato sviluppato un nuovo materiale che svolgerà un ruolo importante nello sviluppo di una nuova generazione di computer che funzionano come il cervello umano. Grazie a questo nuovo materiale, è stato affermato che i computer di prossima generazione potrebbero essere lanciati alla fine di questi 10 anni.

Continuano gli studi sul cervello umano, le cui funzioni e misteri sono ancora irrisolti. Gli scienziati stanno cercando di adattare il nostro cervello, che ha un enorme meccanismo di lavoro, alla tecnologia

Nell’ambito di questi studi, gli scienziati hanno lavorato per un po’ su chip per computer di nuova generazione modellati dalla rete neurale del cervello. Se osserviamo le informazioni in arrivo, potrebbe essere possibile che i chip di computer di nuova generazione modellati dal nostro cervello vengano rilasciati  prima della fine di questo decennio, grazie a un nuovo materiale sviluppato.

In poche parole, questa nuova tecnologia, che è il primo transistor elettrochimico a 3 terminali prodotto con materiali bidimensionali, gli scienziati del KTH Royal Institute of Technology e della Stanford University di Stoccolma hanno affermato che i componenti di memoria prodotti con un composto di carburo di titanio chiamato MXene “sono un modo straordinario afferma per completare la classica tecnologia dei transistor”.

I risultati, pubblicati sulla rivista “Advanced Functional Materials”, suggeriscono che il nuovo materiale, chiamato MXene, potrebbe svolgere un ruolo fondamentale nello sviluppo di computer neuromorfici simili al cervello umano e migliaia di volte più efficienti dal punto di vista energetico rispetto a quelli odierni computer convenzionali.

In una dichiarazione a TechRadar Pro, Max Hamedi spiega che la tecnologia utilizza gli stessi processi dell’assemblaggio dei wafer CMOS, integrando strati di materiale 2D su silicio, quindi è una vera integrazione ibrida con i processi back-of-the-line. 

Affermando che la nuova tecnologia ha una velocità di scrittura maggiore rispetto ad altre ECRAM e che le ECRAM 2D sono ridimensionate a dimensioni nanometriche, possono essere veloci quanto i transistor nei computer di oggi. Ciò significa che la nuova tecnologia può essere integrata nei computer esistenti utilizzando la tecnologia CMOS, grazie alla compatibilità del metallo 2D del trasduttore. 

In questo modo, entro 5-10 anni, possono essere prodotti blocchi di computer per scopi speciali che combinano memoria e transistor e lo rendono almeno 1000 volte più efficiente dal punto di vista energetico rispetto ai migliori computer utilizzati oggi nelle attività di simulazione con intelligenza artificiale, Hamedi afferma che mostra un’efficienza energetica un milione di volte. Il lancio del primo chip commerciale per computer modellato da una rete neurale cerebrale può essere previsto entro la fine del prossimo decennio, poiché una strategia market-to-market (GTM) richiede almeno 5 anni di prove. 

Autore

Classe Novanta3, Fondatore di TrgtKLS. Appassionato in Sec IT & Tech. Expert per l'amministrazione web server e supporto in Back-&, ottimizzazione e manutenzione di esso. Metà Free e Metà Freelancer.

Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Consenti gli annunci sul nostro sito

Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ti ricordiamo che finanziamo il nostro sito soltanto con le pubblicità per sostenere ogni giorno migliaia di lettori. Non essere crudele, disattiva il blocco dei annunci.